L’attenzione si sposta dalla Fed a Washington

Un aumento della volatilità, ma a breve termine, per la sospensione di alcune attività governative USA a seguito dello shutdown per il mancato accordo sul budget federale. Ma contraccolpi ben più gravi potrebbero sopraggiungere nel caso in cui Washington fallisse entro il prossimo 18 ottobre l’accordo sull’innalzamento del tetto del debito, sebbene si pensi che l’evento possa essere scongiurato in tempo. Sono queste le principali riflessioni effettuate da Russ Koesterich, Global Chief Investment Strategist di BlackRock.

Conclusioni a cui giunge partendo da inizio settembre, quando c’erano sul tappeto quattro rischi significativi che hanno richiesto l’attenzione degli investitori. Tre dei quattro (una potenziale battaglia su chi sarebbe stato il prossimo presidente della Federal Reserve, il tapering della Fed e il coinvolgimento degli Stati Uniti nel conflitto in corso in Siria) non si sono realizzati. Questo contesto ha fatto da supporto agli indici statunitensi che hanno raggiunto nuovi massimi un paio di settimane fa, all’indomani della decisione della Fed di rimandare il tapering. Da quel momento, però, gli investitori si sono concentrati sul quarto rischio, il contenzioso politico sul budget di bilancio e sul tetto del debito federale USA in discussione al Congresso di Washington.

“Gli investitori sono diventati più nervosi soppesando le possibilità di un shutdown del governo e un fallimento per l’estensione del tetto del debito, che ha già determinato un calo delle scorte e un piccolo aumento dei prezzi dei Treasury. La scorsa settimana, il Dow Jones Industrial Average ha perso 1,3% a 15.258 e l’S&P500 è sceso dell’1,1% a 1.691. Nei mercati del reddito fisso, i rendimenti del Tesoro hanno continuato a diminuire (a fronte di prezzi in aumento), con il rendimento sul Treasury a 10 anni che da 2,73% è sceso ad un rendimento del 2,63%” ha dichiarato Russ Koesterich per il quale lo shutdown rappresenta un rischio a breve termine.

“Lo shutdown del Governo americano, scattato dal primo ottobre per il mancato accordo sul budget federale, causerà un aumento della volatilità a breve e dovrebbe avere un impatto negativo per la Borsa. Una sospensione di alcuni servizi federali potrebbe avere un impatto negativo anche sulla crescita economica del quarto trimestre e causare un contraccolpo nella fiducia dei consumatori. Tuttavia, supponendo che lo shutdown del governo venga risolto entro una settimana o due, riteniamo che l’impatto a lungo termine sarà limitato”.

Ben diverse le preoccupazioni relative allo spettro del tetto del debito del Tesoro. “A nostro avviso, il rischio più significativo riguarda il tetto del debito, cioè il limite legale sulla quantità di debito che gli Stati Uniti possono emettere” dice Russ Koesterich, che poi spiega : “Il governo americano deve riuscire a far approvare entro il 18 ottobre una legge per superare l’attuale soglia limite di 16.700 miliardi dollari. Se il Congresso e il presidente Obama non riusciranno a siglare un accordo per incrementare il tetto del debito prima che si raggiunga tale soglia, gli Stati Uniti possono tecnicamente finire in default. Un evento mai accaduto che offuscherebbe la reputazione finanziaria degli States e rischierebbe di avere ripercussioni dirompenti per l’economia e per l’intero sistema finanziario globale”.

Secondo Russ Koesterich, il superamento della soglia del debito è improbabile, ma la minaccia persistente che possa verificarsi (e la memoria del downgrade di credito che ha accompagnato l’ultimo tale showdown nell’estate del 2011) sta suggerendo agli investitori un atteggiamento più difensivo. Questo si può constatare osservando la direzione dei flussi dei fondi, con gli investitori che prelevano liquidità dai riscatti dai fondi azionari per spostarle nei fondi obbligazionari. Inoltre, in una netta inversione di tendenza rispetto a quanto accaduto per gran parte dell’anno, il denaro si sta muovendo dagli USA verso l’equity dei mercati europei ed emergenti.

Russ Koesterich conclude che c’è da aspettarsi più volatilità nel breve termine fino a quando i rischi di cui sopra non verranno pienamente scontati dai prezzi delle azioni: “Se Washington fallisce l’accordo sull’innalzamento del tetto del debito, si configurerebbe una situazione molto più grave dello shutdown scattato il primo ottobre. Un default tecnico sul debito degli Stati Uniti potrebbe causare un colpo significativo per il sistema finanziario globale, quasi certamente causare un brusco pullback dei prezzi delle azioni (in particolare l’equity degli Stati Uniti) e sarebbe negativo per i settori del credito a reddito fisso: l’unica asset class che potrebbe trarre beneficio da questo scenario sarebbe probabilmente l’oro” confida Russ Koesterich.




FinanciaLounge
2 Ottobre 2013
Partner
Top