La giornata dei mercati

Le Borse europee finiscono in positivo, Milano guadagna meno di mezzo punto

Continuano i segnali di rallentamento dell’inflazione USA che registrano la prima contrazione manifatturiera da maggio 2020. Il dollaro continua a perdere terreno sull’euro mentre lo spread italiano si restringe ancora

di Virgilio Chelli Aggiornato al 01/12/2022 17:50
financialounge -  borse la giornata dei mercati mercati
financialounge -  borse la giornata dei mercati mercati

01/12/2022 17:50


Performance positiva per i listini azionari del Vecchio Continente nel primo giorno dell’ultimo mese dell’anno con l’indice FTSE Mib in linea con le altre piazze in guadagno di meno di mezzo punto percentuale nel finale. L'euro recupera ancora terreno sul dollaro oltre quota 1,05, in deciso rialzo l'oro e rimbalzo del petrolio oltre gli 82 dollari. Scende lo spread BTP/Bund sotto i 180 punti con il rendimento del decennale italiano intorno al 3,7%. Avanzano anche Francoforte e Parigi, più debole Londra.

A Piazza Affari, tra le migliori Blue Chip DiaSorin, denaro anche su Telecom Italia e su Amplifon, mentre prosegue la buona performance di STMicroelectronics. Vendite invece su Unicredit, Tenaris, Banco BPM, e ENI. Tra i titoli a minore capitalizzazione sotto pressione Caltagirone e CIR.

In generale i mercati azionari digeriscono i segnali di moderazione nei rialzi dei tassi lanciati ieri dal capo della Federal Reserve Powell insieme a una serie di nuovi dati macro. Oltre a nuovi segni di rallentamento dell’inflazione USA, da registrare l’ingresso in territorio contrazione per la prima volta da maggio 2020 dell’indice manifatturiero USA sceso a 49 in novembre da 50,2 di ottobre.

01/12/2022 16:05


Sulle due sponde dell’Atlantico i mercati azionari digeriscono i segnali di moderazione nei rialzi dei tassi lanciati ieri dal capo della Federal Reserve Powell insieme a una serie di nuovi dati macro. L’indice USA ‘core’, vale a dire esclusi alimentari e energia, delle Personal Consumer Expenditures ha rallentato allo 0,5%, in linea con le attese, aggiungendo indizi alla convinzione che l’inflazione possa aver toccato il picco. Il mercato ormai prezza all’80% la possibilità di un rialzo contenuto al mezzo punto al prossimo FOMC.

Le Borse Europee mantengono un rialzo contenuto sotto il punto percentuale mentre anche in principali indici di Wall Street ai primi scambi si muovono intorno ai livelli di chiusura di ieri, con il Nasdaq che continua a fare meglio di Dow e SP 500 e viaggia intorno ai 12.100 punti con un rialzo superiore al mezzo punto percentuale. Sul fronte macro da segnalare un dato peggiore delle attese sulle vendite al dettaglio di ottobre in Germania che segnano il maggior calo dell’anno pur tenendosi sopra i livelli pre pandemia di tre anni fa.

Alla Borsa di Milano l’indice FTSE Mib si tiene in buon rialzo poco sotto il punto percentuale intorno a quota 24.800 punti dopo un indice PMI di novembre in calo più contenuto rispetto a ottobre mentre la disoccupazione registra un calo al 7,8% ai minimi da aprile 2020, dal 7,9% di settembre e sotto le attese del mercato. Sul versante societario, STMicroelectronics guida i guadagni in rialzo di circa il 3%, seguita da Diasorin e Telecom Italia, che recupera dopo la caduta di ieri. Sul fronte obbligazionario i rendimenti dei titoli di Stato a lunga scadenza continuano a raffreddarsi, con quello del BTP attorno al 3,7%.

01/12/2022 11:20


Le Borse Europee viaggiano in modesto rialzo limando in parte i guadagni dell’apertura, con Francoforte penalizzata da un dato peggiore delle attese sulle vendite al dettaglio di ottobre che segnano il maggior calo dell’anno pur tenendosi sopra i livelli pre pandemia di tre anni fa. Anche i futures dei principali indici di Wall Street sono poco mossi appena in negativo dopo il rally acceso ieri dal capo della Fed Jay Powell, che ha indicato una frenata in arrivo nei rialzi dei tassi. Il prezzo del gas ad Amsterdam estende il rialzo per il terzo giorno consecutivo oltre i 150 euro per MWh.

Alla Borsa di Milano l’indice FTSE Mib si tiene in buon rialzo poco sotto il punto percentuale intorno a quota 24.800 punti avanza di circa tre quarti di punto percentuale alle ultime battute intorno ai 24.650 punti, dopo che l’indice PMI di novembre ha segnalato la quinta contrazione mensile consecutiva dell’attività delle industrie italiane, anche se in calo più contenuto di ottobre. Inoltre la disoccupazione italiana a ottobre ha registrato un calo al 7,8% ai minimi da aprile 2020, dal 7,9% di settembre e sotto le attese del mercato. Sul versante societario, STMicroelectronics guida i guadagni in rialzo di circa il 3%, seguita da Diasorin e Telecom Italia, che recupera dopo la caduta di ieri.

Sul fronte obbligazionario i rendimenti dei titoli di Stato a lunga scadenza continuano a raffreddarsi, con quello del BTP attorno al 3,75%, mentre sul mercato valutario l’euro si mantiene intorno al picco di quattro mesi a 1,04 contro dollaro.
Trending