L'analisi

Azioni europee, per Columbia Threadneedle il recente rally non durerà a lungo

Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments, prevede che dopo le feste i consumatori smetteranno di spendere mentre, sullo sfondo, rimangono i problemi causati dalla guerra Ucraina

di Virgilio Chelli 30 Novembre 2022 08:00
financialounge -  Columbia Threadneedle Investments mercati mercati azionari
financialounge -  Columbia Threadneedle Investments mercati mercati azionari

Da fine settembre le azioni europee hanno messo a segno un'impressionante inversione di tendenza che ha sorpreso molti, grazie anche al calo dei prezzi dell'energia e le misure di sostegno. Ma i rischi permangono, soprattutto per quanto riguarda il conflitto in Ucraina, mentre i consumatori continuano a subire una compressione dei redditi ed è probabile che dopo Natale le spese diminuiscano. Per questo Columbia Threadneedle Investments ritiene che il recente rally si rivelerà di breve durata. Steven Bell, Chief Economist EMEA della casa d’investimento, spiega in un commento che nonostante le misure adottate la produzione industriale tedesca è già scesa del 15% e l'intensità energetica ancora di più.

LA RUSSIA POTREBBE PREPARARSI A UNA CAMPAGNA PIU’ AMPIA


La Germania sta compiendo un grande sforzo per ridurre il consumo di gas a prescindere dal prezzo mentre il Regno Unito avrebbe dovuto seguirne l’esempio. Ma Bell avverte che ci sono indubbiamente dei rischi, citando la serie di attacchi alle infrastrutture della NATO, tra cui cavi energetici in Norvegia, la rete ferroviaria tedesca e siti web di aeroporti statunitensi. Alcuni di questi attacchi avrebbero richiesto abilità altamente specializzate. Ad esempio, Il cavo Svalsat in Norvegia è profondo diverse centinaia di metri e se, come molti credono, dietro questi attacchi ci fosse la Russia, è possibile che si stia esercitando per una campagna più ampia.

POSSIBILE NUOVO SHOCK ENERGETICO


L'invasione dell'Ucraina non è andata come la Russia sperava, nota l’esperto di Columbia, ma gli attacchi alla rete elettrica ucraina si sono rivelati molto efficaci. Alcuni “falchi” dei servizi segreti si aspettano un altro shock dei prezzi energetici quest'inverno, che potrebbe essere causato dall'interruzione delle forniture all'Europa da parte del Medio Oriente. Ovviamente Bell spera che si sbaglino, e registra una crescente pressione da più parti affinché l'Ucraina accetti un accordo di pace.

CONSUMI IN RIPRESA VERSO IL NATALE


Sul fronte più ampio, inoltre, i numeri dell'economia sono migliorati rispetto alle previsioni e Columbia si aspetta che i consumatori di tutto il mondo sviluppato si concederanno un buon Natale dopo le perturbazioni degli ultimi due anni. “Dobbiamo quindi aspettarci che il rally delle azioni europee prosegua?” si chiede Bell in conclusione.

MA I REDDITI SONO COMPRESSI


Ad avviso dell’esperto di Columbia la risposta è no. In primo luogo, perché i consumatori europei stanno affrontando una grave compressione dei redditi reali. I salari nell'Eurozona stanno aumentano del 3% circa, ma con un'inflazione a due cifre. I consumatori potrebbero attingere ai salvadanai nel periodo natalizio, ma Bell prevede che saranno poi costretti a tagliare i consumi con l’arrivo del nuovo anno e, con l'ulteriore indebolimento della domanda, i margini si ridurranno.

È STATO UN RALLY DEL MERCATO RIBASSISTA


Sembrerebbe che abbiamo assistito a un rally del mercato ribassista delle azioni europee piuttosto che a un rialzo prolungato, conclude il Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments.
Trending