L'apertura dei mercati

Oggi centrodestra al Quirinale, spread poco mosso. In serata atteso giudizio di S&P sull’Italia

Avvio sotto la parità per i listini del Vecchio Continente, nel giorno del centrodestra al Colle per la formazione del nuovo governo. In calo il prezzo del gas dopo l’accordo Ue sul price cap

di Fabrizio Arnhold 21 Ottobre 2022 09:13
financialounge -  borse Gas governo mercati S&P
financialounge -  borse Gas governo mercati S&P

Le Borse europee aprono l’ultimo giorno della settimana di contrattazioni in rosso. A Milano l’indice Ftse Mib cedo lo 0,72%, il Dax di Francoforte lo 0,94%, il Cac 40 di Parigi lo 1,15%, l’Ibex 35 di Madrid lo 0,68% e il Ftse 100 di Londra lo 0,54%. La Borsa di Tokyo chiude in calo, con l’indice Nikkei a -0,43%, appesantita da Wall Street e inflazione.

UE, ACCORDO SUL GAS


L’Europa ha trovato l’accordo sul “price cap”, dopo un serrato confronto tra i Ventisette paesi membri. Sono stati decisi acquisti condivisi, un tetto dal prezzo dinamico e temporaneo e la costituzione di un nuovo indice di riferimento. Il prezzo del gas ad Amsterdam scende a 124 euro per megawattora.

PREVALE LA PRUDENZA A WALL STREET


Nonostante i buoni risultati delle trimestrali, ieri Wall Street ha chiuso in calo. Tra gli investitori aumentano i timori per una recessione sempre più probabile e per la stretta monetaria delle banche centrali, impegnate nel tentativo di ridurre la corsa dei prezzi. I rendimenti sui titoli di Stato decennali negli Usa hanno toccato il picco del 4,26%, il livello più alto dalla crisi finanziaria del 2008.

OGGI CENTRODESTRA AL QUIRINALE


Proseguono le consultazioni per la formazione del nuovo governo. Oggi il presidente Mattarella riceverà la delegazione del centrodestra, guidata da Giorgia Meloni. Si va verso un incarico lampo. Lo spread apre il lieve rialzo, a 236 punti base, dai 234 della chiusura di ieri. Il rendimento del decennale italiano sale al 4,81%. Sul fronte valutario, euro/dollaro in calo a 0,97, si è fermata la corsa della sterlina a 1,11 dollari, dopo le dimissioni della premier Truss. Stabile il prezzo del petrolio a 84,4 dollari al barile. In serata è atteso il giudizio di S&P sul rating italiano.
Trending