Wall Street

Secondo Goldman Sachs queste 4 big tech possono salire di molto

Le large cap hanno la capacità di recuperare il terreno perduto, ecco quali sono le scelte degli analisti di Goldman Sachs per la seconda metà dell'anno

di Antonio Cardarelli 27 Maggio 2022 11:36
financialounge -  big tech Goldman Sachs nasdaq
financialounge -  big tech Goldman Sachs nasdaq

La festa delle big tech è finita? Da inizio anno l'indice Nasdaq è in calo del 24% e quella passata è stata la settima settimana in rosso per l'indice tecnologico di Wall Street, mai così male dai tempi della bolla delle dotcom di inizio anni duemila.

ROTAZIONE IN CORSO


I titoli tech stanno pagando la rotazione del mercato dai titoli growth a quelli value. Gli investitori, in apprensione per un possibile rallentamento dell'economia a causa dell'inflazione e delle politiche restrittive attuate dalla Fed, stanno virando su azioni meno dinamiche ma, potenzialmente, più "sicure". Netflix, Alphabet (Google) e Amazon hanno mancato le previsioni degli analisti negli utili del primo trimestre.

CRESCITA SOLIDA NEL SECONDO SEMESTRE


Ma secondo Goldman Sachs ci sono almeno quattro titoli big tech che possono fare bene, nonostante la volatilità che domina i mercati azionari globali. "Vediamo le opportunità di acquisto più interessanti tra le large cap perché queste società forniscono un mix di solida crescita e hanno maggiori probabilità di resistere a qualsiasi recessione economica globale risultante", sostengono gli analisti di Goldman Sachs, guidati da Eric Sheridan.

AMAZON E UBER


Tra le large cap tecnologiche preferite dalla grande banca d'investimento per il 2022 c'è Amazon. Una scelta che deriva dalla convinzione che Amazon sia esposta a una serie di trend in crescita, come la pubblicità online e il cloud computing. Inoltre, la società è tra le poche a resistere in un ambito in difficoltà come quello dell'e-commerce. Il potenziale upside di Amazon, secondo Goldman, è del 66% a 3.700 dollari per azione. Un'altra scelta di Goldman Sachs è Uber, che ha segnato una trimestrale positiva a inizio 2022. Il potenziale upside è addirittura del 139%, con un targer price fissato a 55 dollari per azione.

META E ALPHABET


Meta, società madre di Facebook, è nella lista dei big tech preferiti da Goldman Sachs per il 2022. Il titolo ha perso oltre il 40% da inizio anno, ma secondo gli analisti di Goldman si sta creando l'ambiente giusto per crescita e stabilizzazione dei margini nella seconda metà dell'anno. Per questo il target price è stato portato a 300 dollari, con un rialzo potenziale del 56%. L'ultima scelta di Goldman tra i big tech è Alphabet, società madre di Google. In questo caso il potenziale upside è del 39%, con un target price a 3.000 dollari per azione.
Trending