Tesla GigaBier, arriva la birra di Elon Musk

L'omaggio
di Mauro Speranza 12 Ottobre 2021 - 17:00

L’imprenditore ha festeggiato il nuovo impianto di produzione di auto in Germania presentando una birra a marchio Tesla

Quale palcoscenico migliore di Berlino poco prima dell’OktoberFest per presentare una birra? È quello che deve aver pensato Elon Musk, probabilmente mentre beveva proprio una birra. Anche nel caso in cui dovesse trattarsi solo di una mossa di marketing per presentare al pubblico la Gigafactory di Berlino, la nuova bibita alcolica pensata dal patron di Tesla è destinata a diventare un oggetto di culto.

DALLA GIGAFACTORY ALLA GIGABIER

Sabato 9 ottobre, Elon Musk saliva sul palco della festa di presentazione della Gigafactory di Berlino e alle sue spalle appariva l’immagine della GigaBier (o Gigabeer in inglese), la birra a marca Tesla.
L’immagine mostrava due bottiglie dalla forma particolare, simile al design di Cybertruck, il pick-up a 4 porte targato Tesla. Parlando della nuova fabbrica, Musk ha affermato che “avrà graffiti ovunque”, sarà “davvero cool”: “beviamoci una birra!”. Subito dopo appariva sul megaschermo l’immagine della GigaBier. La nuova trovata di Musk, probabilmente, è destinata a diventare più un oggetto da collezione che un prodotto consumato a larga scala, un po’ come è accaduto con la precedente Tequila, venduta per un tempo limitato e poi venduta come decanter d’eccezione vista la forma spettacolare della sua bottiglia.

LA FABBRICA DI BERLINO

Birra a parte, protagonista della festa è stata la nuova Gigafactory Tesla realizzata a Grünheide, vicino Berlino, sulla quale Musk ripone importanti aspettative. Nel nuovo stabilimento verrà prodotta la Model Y ad un ritmo di “una carrozzeria ogni 45 secondi”, spiegava il vulcanico imprenditore.
Dopo una prima fase di accelerazione, la produzione dovrebbe stabilizzarsi sulle 250mila all’anno entro la fine del 2022, per poi cercare di raggiungere l’obiettivo delle 500mila auto l’anno.
L’avvio della produzione è previsto per novembre, mentre già da dicembre dovrebbero partire le consegne. Per il momento, però, lo stabilimento non ha ancora ricevuto tutte le autorizzazioni da parte delle istituzioni coinvolte, ma si spera che queste arrivino nelle prossime settimane.

Financialounge - Telegram