Il commento

Pictet: “Bce più colomba del previsto”

Il commento alla riunione Bce a firma di Fabio Castaldi, Investment manager di Pictet Asset Management

di Redazione 9 Settembre 2021 16:28
financialounge -  BCE Fabio Castaldi Pictet
financialounge -  BCE Fabio Castaldi Pictet

Il ritmo degli acquisti sarà ridotto ma l’inflazione resterà sotto controllo. “Nonostante la revisione al rialzo, peraltro ampiamente attesa, di crescita e inflazione sull’orizzonte di previsione della Bce, la proiezione di inflazione all’1,5% per il 2023 resta ben lontana dall’obiettivo, ora formalmente simmetrico, del 2% del mandato della Banca centrale”, commenta così la riunione della Bce, Fabio Castaldi, Investment manager di Pictet Asset Management. Le pressioni al rialzo sull’inflazione previste per il 2021 e 2022 vengono caratterizzate come transitorie al momento.

PEPP RIDOTTO CON CAUTELA


Per l’esperto di Pictet, la “moderata riduzione” degli acquisti sotto il programma del Pepp, l’enfasi sul fatto che si tratti di “ricalibration” e non “tapering” senza indicare l’ammontare di tale riduzione sembra anche qui improntata alla cautela.

SE NE RIPARLA A DICEMBRE


Nessuna discussione sulla tempistica di spegnimento del Pepp (a dicembre più dettagli al riguardo) e l’impressione rimane che, in caso di spegnimento di tale programma alla scadenza naturale di marzo, verrebbero considerati aggiustamenti agli altri programmi in essere per garantire “condizioni finanziarie favorevoli”. “Nel complesso un esito del meeting più dovish rispetto alle attese”, conclude Fabio Castaldi.
Trending