Le Borse europee provano a trovare fiducia dopo la riunione della Federal Reserve

La giornata sui mercati
di Antonio Cardarelli 29 Luglio 2021 - 9:14

Avvio leggermente positivo per i listini europei, tornano a correre le Borse cinesi dopo l’allentamento della stretta governativa sulle Ipo. I conti Facebook non convincono gli investitori

Prevale ancora la cautela, ma comunque con il segno più, sui listini europei nella prima seduta post meeting Fed. Piazza Affari apre in rialzo dello 0,2%, sopra la parità anche il Dax tedesco. Fanno meglio, in avvio, Parigi (+0,6%) e Londra (+0,4%).

MEETING FED

L’attesa riunione del Fomc, il comitato di politica monetaria della Federal Reserve, si è chiusa ieri e, come previsto, i tassi di interesse sono stati lasciati invariati. Confermato anche il ritmo di acquisto titoli di almeno 120 miliardi di dollari al mese il programma di acquisto di titoli di Stato (80 miliardi) e titoli garantiti da mutui ipotecari (40 miliardi). Il presidente Jerome Powell ha confermato anche l’idea che l’aumento dell’inflazione sia legato a fattori temporanei. Il mercato aveva risposto bene già ieri alle parole del presidente della Fed Jerome Powell.

FACEBOOK GIÙ NELL’AFTERHOURS

Nonostante conti trimestrali sopra le aspettative, negli scambi afterhours il titolo Facebook arriva a perdere quasi il 4%. A preoccupare gli investitori sono le previsioni dell’azienda per un rallentamento nella crescita delle vendite nella seconda metà dell’anno. Nel secondo trimestre 2021 Facebook ha messo a segno un utile di 10,39 miliardi di dollari, o 3,61 dollari ad azione, dai 5,18 miliardi di dollari, o 1,80 dollari ad azione, dello stesso periodo del 2020. I ricavi sono cresciuti del 56%, il ritmo di crescita più rapido dal 2016, a 29,08 miliardi dollari dai 18,69 miliardi del secondo trimestre dell’anno precedente. Le attese erano per un utile ad azione pari a 3,03 dollari su vendite pari a 27,89 miliardi dollari.

CINA IN RIALZO

Sulla scia della Fed, la Borsa di Tokyo chiude in rialzo con l’indice Nikkei a +0,73% (27.782 punti). Nonostante un nuovo numero record di casi giornalieri di Covid-19 registrato ieri a Tokyo (3.117 casi), il mercato giapponese ha preferito focalizzarsi sulla stagione dei risultati delle aziende, come ha sottolineato Takashi Ito, equity strategist di Nomura Securities. Bene anche Shanghai e Hong Kong, che a poco dalla chiusura guadagnano rispettivamente l’1,3% e il 3% dopo l’allentamento della stretta regolatoria sulle società tech e finanziarie in Cina.

Sul fronte materie prime da segnalare il rialzo del petrolio, con il Wti che sale dello 0,4% a 72,6 dollari al barile e il Brent a +0,3% a 75 dollari al barile. In crescita anche l’oro (+0,8%) a 1.815 dollari l’oncia.

Financialounge - Telegram