Effetto Fed anche sull’Europa: Borse positive

La giornata sui mercati
di Antonio Cardarelli 14 Maggio 2021 - 9:28

Le rassicurazioni della Federal Reserve sull’inflazione portano il sereno anche sui listini europei

Ancora una volta Wall Street indica la strada e l’Europa segue. Dopo i recuperi messi a segno ieri a New York, anche le Borse europee aprono la seduta con il segno più. Piazza Affari apre in rialzo dello 0,4%, il Dax tedesco segna +0,6% in linea con Parigi e Madrid.

LE PAROLE DELLA FED

Le parole di Cristopher Waller, governatore della Federal Reserve di St.Louis che ha dichiarato che i tassi continueranno a rimanere bassi fino a quando l’inflazione non sarà sopra il 2% per un lungo periodo, sembrano aver rassicurato i mercati. La risposta è stata positiva già a Tokyo e in Asia, con l’indice Nikkei che ha chiuso a +2,3%, mentre Shanghai e Hong Kong viaggiano con rialzi superiori all’1%.

L’INFLAZIONE NON PREOCCUPA

Waller ha chiaramente detto che il +4,2% dell’inflazione registrato ad aprile (contro attese del 3,6%) è stato temporaneo dicendo di aspettarsi, per i prossimi due anni, un’inflazione tra il 2,25% e il 2,5%. La politica ultra accomodante della Fed, in altre parole, non è in pericolo e tanto è bastato ai mercati per ridurre le perdite accumulate nelle prime sedute della settimana. Nella mattinata europea i futures di Wall Street continuano a viaggiare ancora in positivo.

PIAZZA AFFARI

A Piazza Affari ancora in rialzo Prysmian (+2,8%), premiata già ieri dopo la pubblicazione dei risultati trimestrali. Bene anche Banco Bpm (+2,31%), da settimane al centro della speculazione sul nuovo consolidamento del settore bancario. Cede invece l’1,6% Unipol dopo i conti del periodo gennaio-marzo. In discesa anche Atlantia (-1,76%). Sul mercato dei cambi, l’euro risale a 1,2107 dollari (1,2073 ieri in chiusura) e vale 132,46 yen (132,34), mentre il rapporto dollaro/yen e’ a 109,41 (109,62).

SPREAD STABILE, PETROLIO IN CALO

Apertura stabile per lo spread tra BTp e Bund. In avvio degli scambi il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005422891) e il pari scadenza tedesco è indicato a 117 punti base, lo stesso livello della chiusura di ieri. In calo frazionale anche il rendimento del BTp decennale benchmark all’1,05 per cento. Per quanto riguarda le materie prime, il petrolio rimane sostanzialmente stabile (Wti a 63,8 dollari e Brent a 67 dollari) mentre l’oro è in rialzo dello 0,4% a 1.831 dollari l’oncia.

Financialounge - Telegram