Voglia d'estate

Coldiretti: è boom di consumo di gelato

Dopo il -40% delle vendite dovuto alle restrizioni, il settore vive una ripresa che gioverà all'intera filiera, colpita duramente nel 2020

di Gaia Terzulli 10 Maggio 2021 10:52
financialounge -  coldiretti consumi Delivery Filiera Gelaterie Gelato Servizio da asporto Turismo straniero
financialounge -  coldiretti consumi Delivery Filiera Gelaterie Gelato Servizio da asporto Turismo straniero

Non è mai stato consumato così tanto gelato nel 2021. Nel weekend dell'8 e 9 maggio, complici il clima quasi estivo in buona parte del Paese e la ripresa delle attività, si è registrato il record di coni e coppette gustati dagli italiani.

LA PARALISI DEL TURISMO CHE HA STRONCATO I CONSUMI


Lo afferma Coldiretti, sottolineando che si tratta di un segnale importante di ripartenza del Paese dopo mesi di agonia economica. L’emergenza Covid, spiega l’organizzazione, ha provocato un crollo del 40% del consumo di gelato artigianale in Italia, per effetto delle chiusure prolungate, dei limiti agli spostamenti e della paralisi del turismo sia nazionale che straniero. Quest’ultimo è da sempre linfa vitale per il settore: nel 2020 si stima che abbiano rinunciato al cono in cialda 57 milioni di turisti stranieri, bloccati all’estero senza poter visitare le nostre regioni.

IL DELIVERY NON HA SALVATO IL SETTORE


A risentirne sono state 39.000 gelaterie in Italia e le 75.000 persone a cui danno lavoro. Numeri su cui la pandemia si è abbattuta pesantemente, senza che il boom dei servizi di delivery sia riuscito a sanare le perdite. Lo ricorda Coldiretti, spiegando che l’interruzione delle consumazioni al tavolo e da asporto non è stata compensata dalla pur forte richiesta di consegne a domicilio.

LE RIPERCUSSIONI SULLA FILIERA


Difficoltà che si sono ripercosse, a cascata, sull’intera filiera: durante l’anno, nelle gelaterie italiane, vengono utilizzati 220 milioni di litri di latte, 64 milioni di chili di zuccheri, 21 milioni di chili di frutta fresca e 29 milioni di chili di altri prodotti. L’impatto sulle imprese fornitrici, ferme durante i lockdown e costrette a vedere enormi quantità di prodotti sprecati, è stato impressionante.
Trending