Utile in forte crescita per Amundi: i risultati del trimestre

Il report
di Redazione 29 Aprile 2021 - 12:49

Pubblicati i conti relativi al primo trimestre 2021: Amundi conferma la sua leadership nell’investimento sostenibile

Amundi, primo asset manager europeo e tra i più importanti a livello mondiale, ha pubblicato i risultati relativi al primo trimestre del 2021. L’utile netto è in forte crescita (+50%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno ed è migliorato del 7% rispetto al trimestre precedente.

I NUMERI PRINCIPALI

In crescita anche i ricavi netti dell’attività di asset management, con un incremento del 15,1% rispetto a un anno fa, trainati sia dalle commissioni di gestione che da quelle di performance, passate dai 42 milioni di euro del primo trimestre 2020 agli attuali 111 milioni. Le masse in gestione al 31 marzo 2021 sono pari a 1.755 miliardi di euro, in crescita del 14,9% anno su anno e dell’1,5% rispetto all’ultimo trimestre 2020. Gli afflussi sono stati sostenuti negli attivi a medio e lungo termine: +9,8 miliardi di euro trainati principalmente dal segmento retail (+€7,8 miliardi). Nel report trimestrale si segnalano deflussi dai prodotti di tesoreria per 18,6 miliardi di euro legati al contesto dei tassi d’interesse Momentum positivo per le joint venture.

LYXOR E INVESTIMENTI SOSTENIBILI

Lo scorso 7 aprile Amundi ha avviato una trattativa esclusiva con Société Générale per l’acquisizione di Lyxor allo scopo di migliorare l’expertise di Amundi nel segmento ETF: il completamento dell’operazione è previsto entro febbraio 2022. Amundi conferma la propria leadership negli investimenti responsabili continuando ad attuare il suo piano di azione ESG. Nel primo trimestre 2021 è stato completato l’approccio di integrazione ESG al 100%, che ha permesso ad Amundi di includere tutti i fondi aperti attivi nelle masse gestite con criteri ESG (705 miliardi di euro a fine marzo 2021). Amundi è l’asset manager con il maggior numero di fondi aperti classificati secondo gli articoli 8 e 9 del SFDR (Sustainable Financial Disclosure Regulation), il nuovo regolamento UE che richiede agli asset manager di classificare i loro attivi europei in base al loro grado di integrazione ESG.

PERRIER: FRUTTI DALLE INIZIATIVE STRATEGICHE

“Amundi ha registrato ottime performance nel primo trimestre del 2021: i risultati sono migliorati in modo sostanziale, gli afflussi in attivi a medio e lungo termine sono stati consistenti e l’efficienza operativa è migliorata ulteriormente. Le iniziative strategiche avviate nel 2020 (la partnership con Banco Sabadell, la joint venture con Bank of China e Amundi Technology) stanno iniziando a portare frutto. L’acquisizione di Lyxor sarà un nuovo driver di crescita”, ha commentato il CEO Yves Perrier che, in occasione della prossima assemblea e secondo quanto previsto dal cambio di governance, diventerà presidente del Cda mentre Valérie Baudson diventerà Amministratore Delegato di Amundi. “Questi solidi risultati – ha proseguito – dimostrano che, fin dalla sua costituzione, la strategia di sviluppo di Amundi è stata importante, attuata in modo coerente e disciplinata nella sua esecuzione. Questa strategia ha reso Amundi il leader europeo e un attore riconosciuto a livello globale. Mentre mi accingo a consegnare la direzione generale a Valérie Baudson e a succedere a Xavier Musca come presidente del Consiglio di Amministrazione, vorrei ringraziare Xavier per il suo sostegno, e tutti i dipendenti di Amundi per il loro contributo al successo dell’azienda”.

Financialounge - Telegram