Le figurine Panini nel mirino dei fondi di private equity

L'indiscrezione
di Redazione 23 Febbraio 2021 - 10:16

L’azienda modenese fondata nel 1961 sarebbe al centro di trattative per il passaggio di proprietà

Le mitiche figurine Panini potrebbero passare di mano. Non da un bambino a un altro, come fanno da oltre 50 anni, ma dall’attuale proprietà a un fondo di private equity. Secondo quanto riportato da Bloomberg, infatti, la Panini SpA starebbe valutando una possibile cessione dell’attività.

L’INTERESSE DEI FONDI

Per il momento, chiarisce il sito americano, si tratta solo di un’indiscrezione che i responsabili dell’azienda modenese non hanno voluto commentare. Ma a quanto pare le trattative – ancora in fase embrionale – sarebbero partite e l’azienda, che produce le “figu” commercializzate in tutto il mondo, avrebbe attirato l’interesse di alcuni fondi di private equity.

SOCIETÀ NATA NEL 1961

Panini, fondata nel 1961 a Modena, è diventata famosa in tutto il mondo per le collezioni di figurine dei mondiali di calcio, prodotte e vendute a partire dall’edizione del 1970 in Messico. Oltre alla produzione di figurine, che attira milioni di appassionati in tutto il mondo, Panini svolge anche l’attività di editore. Nel 2018 le vendite hanno superato quota un miliardo di dollari.

Financialounge - Telegram