ClearBridge

"Negli Usa spuntano i primi germogli di ripresa economica"

Secondo l’affiliata Legg Mason ClearBridge Investements l’economia americana ha cominciato a intercettare l’ottimismo di Wall Street con segnali positivi che arrivano dagli spread creditizi

di Virgilio Chelli 12 Giugno 2020 18:48
financialounge -  ClearBridge economia Jeff Schulze Legg Mason ripresa USA
financialounge -  ClearBridge economia Jeff Schulze Legg Mason ripresa USA

A maggio molti Stati americani hanno iniziato ad allentare il lockdown mentre stanno spuntando i primi germogli di ripresa, che il mercato azionario ha accompagnato con un rialzo. Anche se il futuro continua a presentare rischi e potenziali sorprese al ribasso, i dati più recenti descrivono un quadro che appare ottimista. L'economia degli Stati Uniti ha appena iniziato a intercettare l'ottimismo riflesso nei mercati azionari, ma l'attenzione degli investitori rimane fissa sul ritmo della ripresa, anche se la recessione da cui si spera di uscire non è stata ancora annunciata ufficialmente.

ALLA RICERCA DEI SEGNI DI MIGLIORAMENTO


Secondo Jeff Schulze, Investment Strategist dell’affiliata Legg Mason ClearBridge Investements la via per la ripresa resta comunque al centro dei riflettori e quindi va alla ricerca di segnali nella ClearBridge Recovery Dashboard, la tabella che intercetta i segnali di ripresa, e che ha mostrato miglioramenti a maggio con tre cambi di “colore”, come si vede dal grafico qui sotto.



Il primo indicatore che ha cambiato colore è quello degli spread creditizi, che dal rosso è passato al giallo dopo che la Federal Reserve ha adottato misure straordinarie negli ultimi mesi per sostenere i mercati del credito, permettendo il mantenimento di un flusso stabile. L’esperto di ClearBridge Investments cita al proposito il fatto che negli ultimi tre mesi ci sono state emissioni di obbligazioni societarie Investment Grade e High Yield per quasi 850 miliardi di dollari, molto sopra i livelli abituali, mentre anche sul secondario gli spread si sono stabilizzati anche se restano notevolmente più alti rispetto al pre-Coronavirus, e soprattutto hanno recuperato circa la metà della variazione negativa.

ANCHE DAL FRONTE DELL’OCCUPAZIONE INDICAZIONI POSITIVE


Il secondo indicatore del Recovery Dashboard di ClearBridge Investments passato dal rosso al giallo è quello delle richieste di sussidi di disoccupazione, che restano su livelli record ma segnalano un notevole miglioramento rispetto a fine marzo. In effetti le richieste di sussidio sono fortemente diminuite ogni settimana negli ultimi due mesi. Schulze sottolinea che le richieste di sussidio ripetute, che misurano quanti continuano a rimanere senza lavoro, sono diminuite per la prima volta la scorsa settimana dallo scoppio della pandemia, con circa 4 milioni di lavoratori che sembrano essere riusciti a riavere un posto man mano che l’economia riapre i battenti.
Trending