La fusione tra mondo fisico e digitale cambierà il nostro modo di investire

Cybersecurity
di Virgilio Chelli 21 Maggio 2020 - 19:00

Neuberger Berman analizza i trend del futuro che sono stati accelerati dall’esplosione della pandemia, e che per l’investitore sono uno scenario sfidante, ma anche stimolante, in cui cominciare a orientarsi

La crisi da virus ha impresso un’accelerazione a una serie di trend già in atto che puntano alla ‘fusione’ tra mondo fisico e digitale, a cui le aziende, le società e gli investitori dovranno adattarsi. In questa prospettiva, l’informazione digitale si applicherà al mondo fisico e l’informazione ‘fisica’ andrà a rafforzare l’analisi digitale e le sue applicazioni, con il risultato di un nuovo complesso di competenze, esperienze e possibilità che spazieranno dalla sanità all’industria dell’intrattenimento, dai trasporti all’immobiliare, e molto altro. È un’evoluzione che comporta anche rischi significativi, non solo legati alle cybersecurity, perché la trasformazione dell’economia sarà pervasiva.

AGLI INVESTITORI SARÀ RICHIESTA SEMPRE PIÙ CAPACITÀ DI ANALISI E RICERCA

È la tesi sostenuta da Daniel Flax, Senior Research Analyst di Neuberger Berman, secondo cui è indiscutibile che le cose cambieranno radicalmente e che tecnologia e spirito di scoperta modificheranno il nostro mondo. E anche se singole imprese, governi o società decidessero di restare fermi, gli altri andranno comunque avanti e li costringeranno a seguirli. Per gli investitori questo significa che sono in arrivo tempi sfidanti, ma anche stimolanti, che richiederanno ricerche ancora più accurate, flessibilità e un approccio sempre più attento alla costruzione del portafoglio.

L’EMERGENZA VIRUS HA FATTO EMERGERE QUANTO CRUCIALI SIANO LE NUOVE TECNOLOGIE

L’esplosione dell’emergenza virus ha fatto emergere quanto cruciali siano le nuove tecnologie, dai big data ai modelli computerizzati, alla comunicazione virtuale, che ha consentito di mandare avanti l’economia e il lavoro in una molteplicità di campi. Tutte le innovazioni tecnologiche degli ultimi anni stanno raggiungendo una massa critica e stanno diventando pervasive, soprattutto in alcune aree, a cominciare dall’healthcare. Inoltre l’innovazione digitale punta decisamente in direzione dell’abbattimento dei costi, non solo in campo sanitario, come mostrano le esperienze dello smart-working e del collegamento a distanza che ha sostituito il contatto fisico.

TUTTE LE ATTIVITÀ ECONOMICHE SARANNO COSTRETTE AD ADATTARSI AL NUOVO AMBIENTE DIGITALE

L’esperto di Neuberger Berman ritiene che tutte le attività economiche dovranno adattarsi con il tempo al nuovo ambiente che contamina la realtà fisica con il digitale e il virtuale. Una nuova realtà che andrà a impattare anche le produzioni tradizionali dell’industria manifatturiera, l‘edilizia sia commerciale che abitativa, così come i sistemi di produzione e distribuzione dell’energia, rendendoli meno dipendenti dai combustibili fossili e più efficienti.

Perché l’indice S&P 500 non riflette la realtà dell’economia

Perché l’indice S&P 500 non riflette la realtà dell’economia

ANDRANNO RIVISTI ANCHE TUTTI I VECCHI MODELLI DI BUSINESS E DI MANAGEMENT

Flax, infine, aggiunge che i trend digitali modificheranno necessariamente anche le categorie in cui oggi vengono classificate le aziende, perché Amazon e Apple non sono solo colossi tecnologici, ma operano in una molteplicità di settori. Un destino che accomuna anche le aziende tradizionali, che diventeranno sempre più multi-tasking in un ambiente sempre più digitalizzato. Il compito di analisti e investitori, nel nuovo contesto, è riuscire a comporre il mosaico per capire quanto le singole aziende siano preparate al cambiamento. Anche per chi sopravviverà alla rivoluzione digitale la strada non sarà spianata, avverte l’esperto di Neuberger Berman, perché tutti i modelli di business e di management andranno reinventati.