Tesla forza il lockdown della California e Trump si schiera con Musk

Alameda
di Chiara Merico 12 Maggio 2020 - 16:39

Il presidente twitta in sostegno del fondatore di Tesla, che vuole riaprire la fabbrica di Fremont nonostante il parere contrario della contea californiana di Alameda

Elon Musk incassa il sostegno della Casa Bianca nella sua battaglia per la riapertura precoce dello stabilimento Tesla di Fremont. “La California dovrebbe lasciar riaprire a Tesla e a Elon Musk il suo impianto, ora. Può essere fatto velocemente e in sicurezza!”, ha scritto su Twitter il presidente statunitense, Donald Trump, intervenendo nella disputa tra una contea californiana e la società di auto elettriche.

L’ANNUNCIO DI MUSK

Ieri Musk aveva annunciato che Tesla ha fatto ripartire la produzione nella sua fabbrica di Fremont, nella contea di Alameda, nonostante l’ordine di tenere chiuso l’impianto, che non è inserito nella lista delle attività ritenute essenziali e quindi deve restare inattivo fino alla fine di maggio.

LE PROTESTE DEL FONDATORE DI TESLA

Su Twitter Musk ha scritto: “Sarò lì con tutti gli altri. Se qualcuno deve essere arrestato, chiedo di essere l’unico”. Sabato scorso Tesla ha denunciato la contea di Alameda minacciando di spostare l’impianto in un altro Stato del Paese, e già nei giorni precedenti Musk si era scagliato contro le autorità, definendo “fasciste” le misure adottate per il contenimento dell’epidemia di coronavirus.

Tesla, Musk forza il lockdown in California: “Riapro la fabbrica, arrestatemi”

Tesla, Musk forza il lockdown in California: “Riapro la fabbrica, arrestatemi”