grom

Nel futuro di Grom meno gelaterie e più vaschette nei supermercati

Sette gelaterie chiuse negli ultimi mesi: Unilever cambia strategia di distribuzione per i gelati Grom. Addio anche alla sede storica di via Cernaia a Torino

di Antonio Cardarelli 24 Gennaio 2020 10:05
financialounge -  grom settore alimentare supermercati
financialounge -  grom settore alimentare supermercati

Dal “gelato come una volta” a c’erano una volta le gelaterie. Grom, il noto marchio fondato nel 2003 da Guido Martinetti e Federico Grom, sembra aver cambiato decisamente strategia di distribuzione e nel futuro sembrano esserci meno punti vendita “tradizionali” e molti più supermercati. Nel 2019 quattro gelaterie hanno chiuso i battenti – compresa quella storica di via Cernaia a Torino – e nei primi mesi del 2020 altri tre punti vendita abbasseranno le saracinesche.

PIÙ SUPERMERCATI


Ai dipendenti verrà data la possibilità di avere un nuovo impiego, ma la strategia del gruppo Unilever – che ha acquistato l’azienda nel 2015 – prevede una vera rivoluzione nei canali di vendita. L’idea è quella di aumentare la vendita di coppette e vaschette destinate alle vasche frigo dei supermercati della grande distribuzione.

GROM: “NUOVO ECOSISTEMA”


"Negli ultimi anni - spiega una nota dell'azienda - c'è stata un'evoluzione del modello di business e una visione proiettata sul medio e lungo periodo, che tiene conto di nuove opportunità, di nuovi canali e di nuovi modelli di acquisto e consumo: alle gelaterie, che diventano così il cuore di un ecosistema, Grom affianca il canale 'on the go' con chioschi o biciclette gelato, la grande distribuzione, i bar e il canale direct to consumer, con una strategia multicanale a supporto del piano di crescita del brand".

IL FUTURO IN ITALIA


Grom continua l’espansione nel mondo, dove sono presenti 88 gelaterie dopo l’ultima apertura di Shanghai. “L'Italia è il primo mercato per Grom – sottolinea però l'azienda - e continua a rimanere un paese strategico. Lo scopo è accelerare la crescita che, in ogni caso, ha raggiunto dal 2015 al 2019 un complessivo +46,7%, dato comprensivo di tutti i paesi e di tutti i canali".
Trending