BlackRock: puntare su Giappone ed emergenti per agganciare la ripresa

BlackRock
di Virgilio Chelli 23 Gennaio 2020 - 11:17

BlackRock vede in ripresa sia la manifattura che il commercio globali e consiglia di spostarsi con cautela verso gli asset ciclici con una preferenza anche per l’azionario giapponese e dei mercati emergenti

I mercati sono entrati nel 2020 su una nota di ottimismo, con la firma della Fase 1 dell’accordo commerciale Usa-Cina che rafforza le attese di pausa delle tensioni nel 2020. Intanto dati macro in generale positivi e la buona partenza della stagione delle trimestrali supportano l’attesa di un possibile rimbalzo degli asset a rischio, il che vuol dire sovrappesare l’azionario giapponese e dei mercati emergenti, con uno stile di investimento più bilanciato verso il value.

PRIMA UNA STABILIZZAZIONE E POI UNA GRADUALE RIPRESA DELLA CRESCITA GLOBALE

E’ quanto emerge dal commento di mercato settimanale del BlackRock Investment Institute titolato ‘una cauta svolta’ favorita dalla grande casa d’investimento in direzione degli asset ciclici, sostenuta appunto dall’attesa di recupero del commercio e della attività manifatturiera globali. BlackRock II vede infatti prima una stabilizzazione e poi una graduale ripresa della crescita globale nei prossimi 6-12 mesi, sostenuta anche dalle favorevoli condizioni finanziare create dalle banche centrali.

LE SERIE STORICHE INDICANO AZIONARIO GIAPPONESE E EMERGENTE COME I PIU’ FAVORITI

BlackRock nota che gli asset ciclici hanno pesantemente sottoperformato negli ultimi anni a seguito del rallentamento globale e dovrebbero ora beneficiare della ripresa degli scambi e degli investimenti sull’orizzonte dei prossimi 6-12 mesi, anche se a lungo termine sugli stessi asset ciclici possono impattare fattori strutturali, come il rallentamento cinese. BlackRock ha studiato la sensibilità degli utili societari e dei ritorni sull’azionario alle fluttuazioni dell’attività manifatturiera negli ultimi 2 decenni in regioni diverse per arrivare alla conclusione che storicamente azionario giapponese e emergente sono i più sensibili, indicando che hanno più spazio per sovraperformare in caso di ripresa globale.

IL ‘GPS DEL PIL’ DI BLACKROCK SEGNALA UNA LEGGERA ACCELERAZIONE GLOBALE IN CORSO D’ANNO

E gli ultimi dati macro supportano le attese di ripresa della crescita nel 2020, con gli scambi globali stabilizzati dopo le forti cadute dal 2018 in poi, la Cina recupera così come gli utili industriali e la manifattura globale, il tutto supportato dalle politiche espansive in atto da parte delle banche centrali sin da inizio 2019. Il ‘GPS’ di BlackRock, che visualizza dove si posizionano le previsioni sul PIL nell’orizzonte di tre mesi, indica che la crescita globale dovrebbe accelerare leggermente in corso d’anno, un ambiente positivo per gli asset ciclici dei mercati emergenti, sottolinea BlackRock.
Le stesse dinamiche dovrebbero supportare l’azionario giapponese, data la natura orientate all’export dell’economia nipponica, a cui danno sostegno anche uno yen indebolito, ai minimi contro dollaro da metà 2019, una Bank of Japan che non toccherà la politica monetaria super rilassata e un governo di Tokyo che si prepara a un potente stimolo fiscale. Il miglioramento in corso della corporate governance gioca anche a favore, mentre i buyback azionari, saliti del 40% nel 2019 al record di $64 mld dovrebbero sostenere il ritorno dall’investimento azionario. Ciononostante, osserva BlackRock, gli investitori esteri continuano a sottopesare la borsa giapponese.

Iran e altri rischi geopolitici nel 2020: la “classifica” di BlackRock

Iran e altri rischi geopolitici nel 2020: la “classifica” di BlackRock

RIVALUTATO A NEUTRAL LO STILE DI INVESTIMENTO VALUE

BlackRock ha anche rivalutato lo stile di investimento da value a ‘neutral’ su base tattica, per le attese di un recupero tipico della fase finale del ciclo economico, che dovrebbe essere caratterizzato dal rafforzamento delle attività industriali e commerciali e dall’irripidimento della curva dei rendimenti. In questo contesto la casa di investimento sovrappesa moderatamente i titoli di qualità, aziende globali che dovrebbero beneficiare maggiormente dell’allentamento delle tensioni commerciali.

RISCHI ANNIDATI NELL’EROSIONE DEI MARGINI SUL LATO DEI COSTI

Quindi in conclusione BlackRock II raccomanda un cauto riposizionamento sugli asset ciclici, tra cui l’azionario giapponese e dei paesi emergenti, mentre nei bond la preferenza va agli emergenti e agli high yield. Sul versante dei rischi, la grande casa d’investimento li vede nell’erosione dei margini di profitto e nella possibilità di inattesi rallentamenti economici. Ma per ora si aspetta che la crescita dei ricavi sostenga gli utili anche se i margini si contraggono, con la minaccia possibile che viene dal fronte dei costi.