Iran e altri rischi geopolitici nel 2020: la “classifica” di BlackRock

BlackRock
di Redazione 17 Gennaio 2020 - 7:00

La recente forte escalation delle tensioni Usa-Iran serve a ricordare il potenziale dei rischi geopolitici, ma il Medio Oriente non è l’unica possibile fonte di incertezza

Uno scenario relativamente favorevole nel 2020 per le attività di rischio, grazie al miglioramento delle condizioni finanziarie che risultano di supporto ad un aumento della crescita che riprenderà gradualmente nei prossimi sei o dodici mesi. Il tutto con il settore manifatturiero globale prossimo a toccare il fondo, mentre la riduzione delle pressioni protezionistiche dovrebbero propiziare il recupero delle attività commerciali globali. E’ quanto emerge, in estrema sintesi, dal Weekly Market Commentary redatto da BlackRock Investment Institute (BII) dal titolo: “Geopolitical risks on our 2020 radar”. Un commento incentrato sui rischi geopolitici che continueranno ad aleggiare sui mercati nel 2020.

IL PRESUPPOSTO È CHE NON CI SIANO NUOVE ESCALATION COMMERCIALI

“Un presupposto fondamentale è che non si materializzino nuove escalation di tensioni commerciali globali. I recenti sviluppi sono stati positivi per i mercati: le dispute commerciali USA-Cina sembrano ridimensionate mentre l’accordo commerciale USA-Messico-Canada sembra destinato a passare presto al Congresso degli Stati Uniti” spiega il BII. Tuttavia, qualsiasi impennata dei rischi geopolitici in Medio Oriente o altrove potrebbe minare il sentiment del mercato e, a cascata, la performance degli asset a rischio. Precisato questo, il BII, indica altri tre rischi geopolitici per l’anno appena iniziato.

RISCHIO DELLA FRAMMENTAZIONE IN ATTO A LIVELLO GLOBALE

Il primo riguarda la frammentazione in atto a livello globale relativa agli aspetti legati alle ideologie, al commercio e alla tecnologia. “Le dispute in campo hi tech tra Stati Uniti e Cina proseguono e costringeranno paesi e aziende a confrontarsi in questo nuovo contesto in evoluzione” puntualizza il BII, secondo il quale tali tensioni sono destinate a persistere anche dopo l’accordo commerciale di “Fase 1”, capace di disinnescare solo temporaneamente le tensioni commerciali tra Washington e Pechino in questo ambito.

BlackRock: “La sostenibilità come standard per gli investimenti”

BlackRock: “La sostenibilità come standard per gli investimenti”

AZIONI USA DECLASSATE A NEUTRALI

Inoltre a livello nazionale, la polarizzazione politica sta raggiungendo il massimo in molti paesi: gli Stati Uniti, in particolare, affrontano una elezione presidenziale dagli esiti decisamente incerti. “Abbiamo declassato le azioni statunitensi a neutrali su base tattica in presenza di una crescente incertezza elettorale” precisa il BII. Il secondo rischio geopolitico è l’aumento delle proteste globali, in parte alimentato dall’incremento delle disparità di reddito e ricchezza e facilitato dai social media. Un fenomeno che vede un limitato spazio di manovra monetaria e fiscale, che potrebbe comportare ulteriori disordini in occasione di una recessione.

RISCHIO SICUREZZA INFORMATICA

Il terzo rischio è la sicurezza informatica. Sono in aumento le tensioni tra gli Stati Uniti e molti avversari come l’Iran e la Corea del Nord, che hanno la capacità di innescare attacchi informatici su infrastrutture e istituzioni critiche: il problema è che i mercati sembrano trascurare tali rischi. “I Treasury statunitensi e i governativi inflation linked hanno mostrato un buon comportamento durante le recenti svendite degli asset a rischio e per questo ne facciamo uso nei portafogli sia tattici che strategici. Mentre il rendimento a zero o negativo dei titoli di stato europei e giapponesi ne sconsiglia l’utilizzo vista la loro minore efficacia”.