ESG

Millennials, l’approccio ESG aiuta a costruire una pensione adeguata

I più giovani avranno difficoltà maggiori nel trovare soluzioni alle proprie esigenze previdenziali: l’industria del risparmio gestito, tramite l’approccio ESG, ha il potenziale per rivoluzionare il risparmio pensionistico.

6 Novembre 2018 12:04

Gli investimenti ESG (ambientali, sociali e di governance) garantiscono una prospettiva di lungo termine e, al contempo, consentono all’industria del risparmio gestito di allineare la visione di investimento al futuro delle prossime generazioni. Un aspetto che emerge con chiarezza dalle ricerche di Natixis Investment Managers, nelle quali l’84% dei millennial (i nati dal 1980 al 1999), dichiara di essere propenso a destinare una quota maggiore al risparmio se avesse l'opportunità di raggiungere obiettivi di benessere sociale.

INVESTIMENTI E VALORI PERSONALI DEVONO COINCIDERE


Nelle stesse ricerche spicca pure che tre quarti degli investitori prediligono investimenti coincidenti con i propri valori personali, mentre oltre un quarto (26%) afferma di implementare criteri ESG nella conduzione dei patrimoni gestiti in giro per il mondo in modo professionale. “L'importanza dei millennials non deve essere trascurata - sottolinea Jean Raby, CEO di Natixis Investment Managers - È ormai del tutto evidente che, per assicurarsi il proprio futuro previdenziale, i più giovani dovranno lottare molto di più rispetto alle generazioni precedenti. In quest’ottica, l’industria del risparmio gestito può offrire soluzioni valide in grado di rivoluzionare il risparmio pensionistico se riesce a combinare gli investimenti di lungo termine ai valori delle generazioni più giovani”.

L’INFLUENZA DEI PRINCIPI ESG


Gli investimenti che implementano principi ESG possono infatti influenzare in modo positivo tutta una serie di questioni che devono essere affrontate e superate per garantire una maggiore sicurezza previdenziale: dall’accessibilità all'assistenza sanitaria a prezzi contenuti alla disuguaglianza di reddito e di ricchezza, dalla stabilità a lungo termine dei sistemi finanziari in tutto il mondo alla qualità della vita e alla sicurezza ambientale.

Crescita globale, le 5 “piccole” minacce da non sottovalutare


Crescita globale, le 5 “piccole” minacce da non sottovalutare





STANDARD PIÙ CHIARI


“Ma la strada è ancora lunga e richiede un percorso lineare che cominci con la definizione di standard chiari per misurare l'impatto, consentire il confronto e monitorare i progressi, allo stesso modo dei tradizionali parametri finanziari” sottolinea Jean Raby.
Secondo il quale sono almeno tre gli aspetti critici, due dei quali riguardano la trasparenza e uno la standardizzazione. In primis, è indispensabile che le informazioni dei prodotti finanziari sostenibili siano facilmente accessibili e chiare: non deve spettare agli investitori controllare gli ingredienti o la ricetta.

Comprare prodotti finanziari su Facebook? Il 39% dei Millennials lo farebbe


Comprare prodotti finanziari su Facebook? Il 39% dei Millennials lo farebbe





UNA SPINTA DA AZIENDE, GESTORI E INVESTITORI


Sempre in termini di trasparenza, e siamo al secondo aspetto, le aziende devono promuovere la diffusione di informazione standard ad uso del sistema finanziario: dai rapporti pubblici sull’impatto climatico di una società alla strategia di gestione, dalla governance alla gestione dei rischi. “In terzo luogo è necessario disporre di misure standard relative alle performance aziendali basate sui criteri ESG. Per farlo è determinante l’approccio dei gestori e degli investitori che devono privilegiare le numerose iniziative sviluppate per far progredire gli standard ESG aziendali in modo da focalizzarsi continuamente sull’obiettivo finale” conclude Jean Raby.
Trending