BTP

Adesso lo spread BTP - Bund potrebbe restringersi

Dopo la vittoria di Emmanuel Macron alle presidenziali in Francia è probabile che il rendimento dei Bund tenda a salire più degli altri titoli di stato della zona euro.

10 Maggio 2017 09:57
financialounge -  BTP bund donald Trump elezioni Emmanuel Macron Ethenea francia Guido Barthels spread titoli di stato Yves Longchamp
financialounge -  BTP bund donald Trump elezioni Emmanuel Macron Ethenea francia Guido Barthels spread titoli di stato Yves Longchamp

Un graduale aumento dei rendimenti dei Bund tedeschi rispetto agli altri titoli di stato della zona euro, con conseguente, restringimento degli spread dei paesi periferici (BTP compresi) e tassi di interesse dei Treausury USA decennali compresi tra il 2,30% e il 2,60%.

Sono queste, in estrema sintesi, le previsioni che Yves Longchamp, Head of Research di ETHENEA, e Guido Barthels, Portfolio Manager di ETHENEA, formulano dopo i risultati delle elezioni francesi. Secondo i due manager, l'esito positivo delle elezioni in Francia e nei Paesi Bassi ha rassicurato l’Europa, che adesso non sembra attendersi spiacevoli sorprese dalle prossime consultazioni elettorali in Germania.

Il fenomeno registrato dal 29 marzo in poi sui mercati obbligazionari europei, con l’allargamento degli spread rispetto ai bund (non soltanto dei periferici ma anche degli OAT francesi) dovrebbe rientrare: Yves Longchamp e Guido Barthels prevedono che i rendimenti dei Bund riprenderanno a salire rispetto a quelli degli altri mercati.

Certo, specificano i due manager, sarà importante che il neo Presidente della Francia nei prossimi cinque anni riformi il paese, e la condizione necessaria è che le elezioni legislative che si svolgeranno a giugno gli forniscano il supporto sufficiente per far passare le leggi per le riforme, in particolare quelle sul mercato del lavoro.

Per quanto riguarda poi la prevista accelerazione congiunturale definita Trumpflation, secondo Yves Longchamp e Guido Barthels, non bisogna tuttavia fare l’errore di abbandonare troppo presto le speranze riposte in Donald Trump.  “La Federal Reserve sembra guardare al futuro con un certo ottimismo, lasciando intendere che prevede di operare ulteriori rialzi dei tassi. Tuttavia, fino ad allora, il rendimento dei Treasury statunitensi resterà per lo più confinato in un intervallo compreso tra il 2,30% e il 2,60%” sostengono i due manager.
Trending