Azad Zangana

Francia, ora gli investitori possono rivalutare l’azionario europeo

Macron, favorito su Le Pen, ribadirà i benefici derivanti dalla globalizzazione e dalla Ue indicando riforme mirate per aiutare tutti coloro che sono rimasti indietro.

25 Aprile 2017 08:00
financialounge -  Azad Zangana elezioni Emmanuel Macron francia Marine Le Pen mercati azionari Schroders
financialounge -  Azad Zangana elezioni Emmanuel Macron francia Marine Le Pen mercati azionari Schroders

“La sfida in Francia non è certamente finita, ma gli investitori probabilmente si sono tranquillizzati e iniziano a pensare alle valutazioni più attraenti dell’azionario europeo, un mercato che ha faticato a tenere il passo delle opportunità globali offerte dal contesto di reflazione, proprio a causa dell’incertezza politica” è il commento di Azad Zangana, Senior European Economist & Strategist di Schroders, dopo l’esito del primo turno delle elezioni presidenziali in Francia che ha visto l’ex ministro dell’Economia, Emmanuel Macron, registrare il 23,9% dei consensi, seguito dal candidato di estrema destra, Marine Le Pen che si è fermata al 21,4%: saranno loro i du candidati al ballottaggio, che si terrà il 7 maggio: i sondaggi danno vincente Macron contro Le Pen, con uno scarto di 30 punti.

Secondo Azad Zangana Macron, che abbraccia posizioni centriste ed europeiste, non solo dovrebbe contribuire a stabilizzare l’Unione Europea, ma anche a costruire meccanismi di sostegno più solidi.

“Rispetto a Le Pen, che vuole portare la Francia fuori dall’euro, Macron è di gran lunga il candidato preferito dai mercati “ dichiara Azad Zangana, che ora si aspetta un dibattito, tra gli schieramenti dei due candidati, su un confronto tra un’idea di Francia che guarda fuori da suoi confini e una di un paese concentrato sul proprio territorio.

Mentre Marine Le Pen sosterrà che la globalizzazione ha fallito e che la Francia dovrebbe cercare di utilizzare politiche protezionistiche per contrastare i danni subiti dai lavoratori francesi, Macron, preferirà ribadire come la globalizzazione e l’Unione Europea abbiano migliorato, a livello economico e di sicurezza, la Francia e che adottare misure anti-competitività non è la risposta giusta. Macron, inoltre, sosterrà la necessità di riforme mirate per aiutare tutti coloro che sono rimasti indietro o che abbiano pagato il prezzo più alto durante gli ultimi anni di crisi.
Trending