fondamentali

Cautela ma senza rinunciare ad eventuali incursioni tattiche

27 Gennaio 2016 10:52
financialounge -  fondamentali mercati azionari oro Pictet Pictet Multi Asset Global Opportunities
financialounge -  fondamentali mercati azionari oro Pictet Pictet Multi Asset Global Opportunities
“Continuiamo a ritenere che questa correzione dei mercati sia una possibile opportunità tattica, pur consapevoli che i rischi deflazionistici legati a Cina, materie prime, geopolitica e i recenti dubbi sulla crescita USA ci accompagneranno ancora per parecchi mesi” fanno sapere gli esperti di Pictet Asset Management secondo i quali i mercati stanno prezzando un rischio recessivo (20-25%) che va al di là di quanto giustificato dai fondamentali in essere.

“Consideriamo eccessiva la reazione dei mercati ai dati macroeconomici provenienti da USA e Cina. In questa cornice strategica, riteniamo opportuno mantenere un atteggiamento prevalentemente cauto, senza rinunciare ad eventuali incursioni tattiche” precisano i professionisti di Pictet AM che, per quanto riguarda il posizionamento di [tooltip-fondi codice_isin="LU0941349275"]Pictet - Multi Asset Global Opportunities[/tooltip-fondi] (MAGO) e dei mandati analoghi costruiti ad hoc per alcuni collocatori in Italia, hanno aumentato in questa fase prima l’oro e poi incrementato marginalmente l’esposizione azionaria soprattutto in Europa (DAX, Eurostoxx e indice bancario area euro) ma anche sui mercati emergenti (sia valute che azioni).

“Abbiamo inoltre alleggerito l’esposizione azionaria sui paesi periferici (Ibex e Ftsemib) mentre abbiamo inserito il fondo Pictet - High Dividend Selection (a seguito delle indicazioni positive ricevute dal modello di rotazione tematica di Pictet)” rivelano i gestori di Pictet AM che fanno inoltre sapere che, dopo gli ultimi interventi, il rischio ex-ante del portafoglio si attesta intorno al 5% con la quota azionaria al 30% e quella valutaria al di fuori dell’euro al 20%: la duration della componente obbligazionaria è stata mantenuta bassa (4 anni ma su solo il 50% del portafoglio), sostanzialmente invariata rispetto alla fine 2015.
Trending