Andrew Swan

Azioni asiatiche, solidità di fondo con potenzialità di rialzo

12 Febbraio 2015 - 14:30
financialounge - news
financialounge - news
Per Andrew Swan, Fund manager del fondo BGF Asian Dragon, il mercato azionario asiatico dovrebbe tornare quest’anno ad offrire interessanti ritorni grazie ad una serie di fattori esterni (come, in primis, il calo del prezzo del petrolio) e di supporti interni (come le riforme cinesi e indiane e il miglioramento della liquidità nella regione asiatica).
“Lo stato di avanzamento del programma di riforma annunciato in Cina nel novembre 2012 continua a dividere il dibattito politico del colosso asiatico. Tuttavia, nonostante lo scetticismo in corso, la riforma ha registrato progressi su diversi fronti. Per esempio ha ottimizzato il cosiddetto «budgeting fiscale», riducendo i rischi sistemici delle banche tramite il debito delle Amministrazioni locali e rallentando l'espansione del sistema bancario ombra” puntualizza Andrew Swan.
Tutto questo sta aiutando a ridurre il premio di rischio della Cina. “Il recente taglio dei tassi ha dimostrato che i politici cinesi sono disposti a prendere seri provvedimenti pur di raggiungere la stabilità della crescita in grado di fornire una solida base affinchè il governo possa garantire l'occupazione e la stabilità sociale. Senza tutto questo, sarebbe difficile portare avanti le riforme necessarie e concentrarsi sulle preoccupazioni strutturali più importanti” commenta Andrew Swan che poi aggiunge: "L'apertura di nuovi settori a player privati fornirà terreno fertile per molti nuovi operatori dell’economia che potranno espandersi anche tramite internet. Le imprese di proprietà statale, che fino a buona parte del 2014 erano gestite in modo poco efficiente, potrebbero ora fornire opportunità, in termini di miglioramento dell'efficienza qualora utilizzassero correttamente gli incentivi di gestione. Siamo interessati alle imprese che beneficeranno della spinta del governo a riorientare le esportazioni agevolando lo spostamento della produzione di fascia bassa, come il tessile e i giocattoli, verso prodotti a più alto valore aggiunto nella catena di valore e che hanno un certo livello intrinseco di proprietà intellettuale”.
Secondo Andrew Swan il recente calo del prezzo del petrolio rimuoverà inoltre molte delle catene che hanno imbrigliato l'Asia negli ultimi anni: contribuirà a ridurre l'inflazione, a migliorare il deficit delle partite correnti e aumenterà il potere dei consumatori e il livello dei profitti aziendali in tutta la regione.
“Questi passaggi verso il cambiamento ciclico e positivo devono ancora essere pienamente apprezzati dagli investitori. La stabilità della crescita mondiale, la riforma strutturale in India e il miglioramento della liquidità nella regione, in combinazione con valutazioni interessanti potrebbe comportare, dopo alcuni anni i cui i mercati asiatici hanno stentato, il raggiungimento di livelli più elevati degli indici di Borsa” conclude Andrew Swan.
Trending