australia

Fondi pensione australiani alla ricerca di opportunità estere

14 Aprile 2014 16:00
financialounge -  australia Europa fondi pensione giappone google Honeywell orizzonte temporale United Parcel Service USA visa Walt Disney
financialounge -  australia Europa fondi pensione giappone google Honeywell orizzonte temporale United Parcel Service USA visa Walt Disney
"I primi 10 titoli del mercato azionario australiano valgono oltre il 50 per cento dell’indice di riferimento" ha dichiarato Jo Townsend, responsabile degli investimenti dei dipendenti della REST, Retail Employees’ Superannuation Trust, società della grande distribuzione di Sidney, che ha poi precisato: "Negli ultimi due anni non abbiamo effettuato investimenti aggiuntivi con i gestori australiani".

È solo uno tanti casi che stanno emergendo con crescente frequenza in Australia.
I fondi pensioni di questo paese, che gestiscono asset complessivi inferiore per ammontare soltanto a quelli degli Stati Uniti, del Regno Unito e del Giappone, stanno infatti incrementando le esposizioni di portafoglio offshore, in USA, Europa e nei mercati emergenti.
I flussi verso l’estero stanno ribaltando una tendenza di lunga data a favore delle azioni di società locali e mettono in evidenza quale sia l’attuale sfida: investire i 1.800 miliardi di dollari australiani (1.200 miliardi di euro) di pensioni a cui un mercato azionario domestico dominato da una manciata di industrie sta ormai troppo stretto.
"L'Australia è una piccola piazza finanziaria con poche opportunità rispetto a quelle disponibili a livello globale" ha ammesso Nader Naeimi, il responsabile del Dynamic Asset Allocation Fund, le cui scelte di investimento riguardano un patrimonio superiore ai 50 miliardi di dollari australiani (34,5 miliardi euro) in titoli per la AMP Capital Investors il più grande gestore di fondi d'Australia.

La tendenza a favore delle attività internazionali diventerà sempre più importante, ha detto Naeimi , aggiungendo che il mercato australiano non permette l'esposizione a settori chiave per il lungo termine come la tecnologia e il life sciences: anche per questo consiglia di avere l'80 per cento dei fondi investiti all'estero. Non a caso, alla fine di dicembre, il valore degli investimenti australiani in azioni estere è stato per la prima volta, secondo l’ufficio statistiche di Sidney, superiore a quello in titoli azionari australiani.
In base ai report di alcuni dei più importanti fondi pensione australiani, i maggiori investimenti all’estero hanno riguardato titoli di società come Google, Walt Disney, Visa Inc., United Parcel Service Inc. e Honeywell International.
Trending