Bill Gross

La strategia Unconstrained Bond

21 Febbraio 2014 - 9:17
financialounge - news
financialounge - news
Una delega a 360 gradi della gestione del proprio investimento obbligazionario. È così che deve essere interpretata dal cliente la sottoscrizione della delega Unconstrained Bond di PIMCO per conseguire l’obiettivo di rendimento di lungo periodo: un approccio che si distingue rispetto al Total Return nel quale il cliente, invece, specifica un indice obbligazionario e offre il mandato a PIMCO di generare una performance superiore mediante una gestione attiva avente tale indice come riferimento.

In questa intervista Bill Gross, fondatore e Co-CIO di PIMCO, che ha recentemente assunto la responsabilità di lead portfolio manager per la strategia Unconstrained Bond di PIMCO, fornisce un aggiornamento su tale strategia ed esprime il suo punto di vista sui potenziali vantaggi della strategia per i clienti, descrivendo altresì la filosofia, il processo e l’approccio d’investimento Unconstrained Bond.

Si aspetta cambiamenti potenziali nella filosofia d’investimento, nel processo o nell’approccio alla gestione di portafoglio per la strategia Unconstrained Bond?

"No, non mi aspetto cambiamenti nella filosofia, nel processo o nell’approccio d’investimento. Unconstrained Bond è una strategia basata sul Libor (o Euribor, nella versione con copertura di cambio) in cui confluiscono le nostre migliori idee. È sempre stato così. Il nostro obiettivo è fornire nel tempo una performance assoluta con un rischio analogo a quello delle obbligazioni core e un’enfasi sugli strumenti a più breve duration. È la stessa strategia con le stesse aspettative di sempre. Un elemento specifico del processo d’investimento è il fatto che il posizionamento di Unconstrained Bond è basato sul portafoglio modello stabilito dall’Investment Committee di PIMCO. Mettiamo per iscritto quello cui guardiamo con favore nelle diverse strategie, che si tratti di duration, curva, valute, rischio di credito, volatilità, ecc. e poi traduciamo queste aspettative in portafogli modello. Pertanto, le uniche differenze tra i gestori saranno basate su una limitata flessibilità intorno al modello stabilito. Possono esservi differenze di vedute su alcuni dettagli ma non saranno significative in quanto è il modello a dominare".

Dopo il recente cyclical forum e le sessioni strategiche, quali sono attualmente le idee in cui PIMCO crede di più e come saranno espresse nella strategia Unconstrained Bond?

"Le idee in cui crediamo di più sono incentrate su quelle che chiamiamo curva e volatilità. Consideriamo i prossimi anni, e senz’altro il prossimo trimestre, come un periodo in cui le politiche delle banche centrali domineranno. Il neo presidente della Federal Reserve Janet Yellen è il nuovo leader della forward guidance e si prevede che manterrà stabili i tassi ufficiali. Riteniamo che il tasso ufficiale e la durata del periodo per il quale rimarrà a 25 punti base siano più importanti del tapering. È il tasso ufficiale il fattore più importante, cruciale per le nostre particolari strategie. Se il tasso ufficiale resta a 25 punti base, il segmento a breve delle curve dei Treasury, delle curve corporate e di altre curve si stabilizzerà. Ciò non significa che non vi sarà una certa volatilità nel tratto a breve della curva. Ma ci aspettiamo che i tassi rimarranno perlopiù invariati e ciò ci induce a puntare sulla vendita di volatilità a breve termine e sfruttare questo premio, nonché ad assumere posizioni sul segmento a breve della curva e ottenere un premio in termini di incremento del capitale e reddito. Se la Fed favorisce queste posizioni con la sua forward guidance, come anticipiamo, sarà possibile ottenere premi interessanti con una volatilità relativamente contenuta e una duration relativamente modesta. Al tempo stesso, stiamo riducendo l’enfasi su altre forme di duration tra cui le esposizioni a 5, 10 e 30 anni, ossia la duration che non sarà acquistata dalla Fed in futuro quando inizierà la graduale riduzione del QE".

Può fornirci indicazioni sull’approccio di gestione adottato per le strategie Unconstrained Bond e Total Return?

"Cosa accomuna le due strategie e cosa invece le differenzia? Unconstrained Bond ha il LIBOR come benchmark e un obiettivo di performance assoluta. Total Return ha il Barclays Aggregate Index come benchmark e l’obiettivo di sovraperformare tale indice. Pertanto, ciascuna strategia ha un diverso punto di partenza in termini di costruzione del portafoglio e un diverso obiettivo. Scegliendo Unconstrained Bond il cliente delega di fatto a PIMCO la decisione in merito al segmento del mercato del reddito fisso in cui investire per conseguire l’obiettivo di rendimento di lungo periodo, mentre nel caso di Total Return il cliente sta specificando un indice obbligazionario e il mandato di PIMCO è quello di sovraperformarlo mediante una gestione attiva avente tale indice come riferimento. Un’importante differenza è la duration. Unconstrained Bond può assumere un posizionamento difensivo e al tempo stesso fornire performance adeguate rispetto alle aspettative e agli obiettivi finali del cliente. Total Return, invece, ha un indice di riferimento con una duration di oltre cinque anni, e la strategia può sottopesarla significativamente, ma non può avere una duration pari a zero o negativa".
Trending