Quattro ragioni per investire in Europa

26 Luglio 2013 14:00
financialounge -
financialounge -
“I titoli azionari europei sono un'opportunità da cogliere, anche nell'attuale fase storica.”

E’ questa l’opinione di Bernard Aybran, CIO Deputy Director di Invesco, che spiega le ragioni che rendono i titoli europei ancora appetibili per gli investitori.

In primo luogo, secondo Aybran, la crescita economica ha una scarsa correlazione con la performance dei mercati finanziari. Infatti, “sebbene i dati economici dell'Eurozona appaiano piuttosto scoraggianti, con una contrazione di PIL, tasso di occupazione, potere di acquisto e fiducia dei consumatori, i mercati azionari tendono a considerare prioritarie le prospettive degli utili societari piuttosto che l'andamento del PIL: chi investe in azioni europee, non sta comprando l'andamento del PIL in Europa, ma acquista una porzione di utili prodotti da società quotate nelle piazze europee. Molte imprese ammesse ai listini in Europa sono tra i più grandi esportatori mondiali, mentre il Paese di quotazione di un titolo non è molto indicativo del luogo in cui la società emittente conclude le sue vendite e genera utili.”

Inoltre, l’aspetto positivo di questa congiuntura depressiva è che le aspettative sono piuttosto modeste. “Secondo le stime, gli utili corporate globali dovrebbero crescere del 17,9% nel 2013, mentre le previsioni per quelli europei si fermano ad appena il 5,3%: pur non essendovi alcuna garanzia che i prezzi saliranno, proprio le basse valutazioni sono un ottimo punto di partenza per un investimento.”

“Un altro parametro che gli investitori dovrebbero considerare è il fattore di rendimento,” spiega Aybran, “anche se generano un reddito "variabile", rispetto a quello fisso di un'obbligazione, i titoli azionari europei offrono un dividendo che è poco al di sotto del 4% (al 14 giugno), più elevato rispetto ad altri mercati azionari: 1,8% per il Topix giapponese, 2,3% per l'indice S&P 500 americano e 3,2% per i mercati emergenti.”

Infine, c'è un'altra buona ragione per investire nel comparto azionario europeo: è una cosa che non fanno in molti. “Una strategia contrarian a prescindere può essere la chiave del successo per i trader: gli investimenti di lungo corso e i mercati azionari europei hanno molto di più da offrire che semplici opportunità a breve termine e con un profilo di rischio/rendimento particolarmente allettante."
Read more:
Trending