credito d'impresa

Prestiti alle imprese cari e avari

8 Aprile 2013 - 8:00
financialounge - news
financialounge - news
Sono stati appena diffusi i dati, aggiornati a fine febbraio, relativi ai tassi praticati dagli istituti di credito sui nuovi prestiti alle imprese dalla zona euro. La nota positiva, per quelle italiane, è che pagano un nuovo finanziamento in media al 3,48%, un valore inferiore al tasso della rilevazione precedente (3,62%) e che si colloca ai minimi dal settembre 2011.

Quella negativa è che questo tasso di interesse resta ben al di sopra di quello sostenuto dalle aziende francesi (2,35%), olandesi (2,32%), tedesche (2,10%) e austriache (1,80%). Il problema è che, oltre ad essere cari, i prestiti bancari alle imprese del nostro paese sono anche approvati con il contagocce: tra il febbraio 2012 e il febbraio di quest’anno, è del 3% la contrazione delle erogazioni concesse alle imprese contro il +1% della Germania e il +6% dell’ Olanda.

E questo nonostante il sistema bancario italiano sia il solo, insieme a quello olandese, a poter vantare un aumento (+7%) dei depositi bancari negli ultimi 12 mesi: infatti in Francia sono diminuiti dell’1%, in Germania del 2% e in Austria del 4%.
Trending