diversificazione

USA sempre più opportunità

5 Marzo 2013 - 7:00
financialounge - news
financialounge - news
Siamo lontani dal 7% di rendimento offerto a inizio 2012 e sfiorato nello scorso mese di giugno. E siamo sotto di quasi un punto percentuale dal guadagno che si poteva spuntare a novembre. Tuttavia, il 4,80% di rendimento medio lordo dei bond high yield USA resta interessante non tanto perché risulta leggermente superiore al minimo del 4,51% toccato il 25 gennaio scorso quanto piuttosto perché offre un ancora interessante extra rendimento rispetto ai titoli di Stato a stelle e strisce e alle obbligazioni societarie con rating investment grade.

Inoltre, sottolineano gli analisti, investire in high yield USA consente di partecipare al recupero delle quotazioni delle corporation USA con un rischio minore rispetto all’investimento in Borsa. Negli ultimi quattro anni, per la precisione dal 31 gennaio 2009 al 31 gennaio 2013, l’indice Barclays high yield US bond ha registrato un guadagno complessivo dell’89,6% contro il 97,9% dell’indice S&P500 (dividendi inclusi), pari ad un rendimento annuo composto del 17,32% contro il 18,58% del paniere azionario allargato di Wall Street.

Ma con un fattore non secondario per l’investitore: la volatilità dell’indice high yield è stata del 30% inferiore a quella dell’S&P500. La raccomandazione, però, è quella di investire tramite un buon fondo obbligazionario specializzato in bond high yield USA che permette di diversificare il rischio in decine (se non centinaia) di emittenti anche con un capitale contenuto.

Un modo efficace per partecipare in modo indiretto alla riprese delle aziende americane che, alla luce anche dei recenti bilanci del quarto trimestre 2012, stanno dimostrando di avere solide basi patrimoniali, un uso non eccessivo della leva finanziaria e bassi tassi di default (fallimenti).
Trending