Come affrontare le sfide dell’autunno? Fidelity riparte con il roadshow

di Chiara Merico

Sette tappe, a partire da quella del 9 settembre a Bologna, per discutere con i professionisti della consulenza su cosa ci attende sui mercati nella seconda parte dell’anno

Cosa ci riserveranno i mercati nella seconda parte dell’anno e quali saranno le soluzioni di portafoglio più adeguate per ottenere i migliori rendimenti? Di questo e altro si parlerà nell’edizione autunnale del Fidelity Roadshow, che prenderà il via il 9 settembre da Bologna e toccherà altre sei città italiane. Le tappe successive sono: il 10 settembre a Torino, il 12 settembre a Milano, il 16 settembre a Padova, il 17 settembre a Napoli, il 18 settembre a Roma e il 19 Settembre a Firenze.

CRESCENTE COMPLESSITÀ

“La fase di mercato che stiamo vivendo si caratterizza per una complessità crescente e che, più di recente, ha spinto molti investitori a una maggiore prudenza se non addirittura a uscire dal mercato”, afferma Cosmo Schinaia, country head per l’Italia di Fidelity International. “In questo contesto, l’industria del risparmio gestito deve tornare alle proprie basi e al concetto primario di risparmio, che mette al centro gli investitori e i loro obiettivi. Per fare questo occorre cercare di ricondurre la complessità dei mercati a un approccio più semplice, partendo proprio dagli obiettivi del cliente”.

LE SFIDE DELLA SECONDA PARTE DELL’ANNO

Il contesto di mercato che gli investitori si troveranno ad affrontare nella seconda parte dell’anno vede ancora protagonista la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, che secondo Fidelity non sembra però essere il fattore in grado di portare la crescita mondiale in negativo. Inoltre, ci si continua a chiedere per quanto ancora potrà continuare il trend rialzista del mercato azionario americano e fino a che punto le banche centrali vorranno rimanere accomodanti.

ELEMENTI DI FRAGILITÀ

“Riteniamo che elementi positivi siano ancora presenti sui mercati, anche se di intensità minore rispetto al passato”, spiega Donatella Principe, director – market and distribution strategy di Fidelity International. “Benché non vediamo rischi di recessione, lo scenario globale continua a mostrare elementi di fragilità tali per cui la seconda parte dell’anno potrebbe riservare ancora qualche nube all’orizzonte”.

UN MODELLO SEMPLICE

In un periodo in cui le sfide sui mercati si moltiplicano, Fidelity vuole proporre un approccio fondato su un modello semplice e intuitivo, che consiste in tre tipologie di soluzioni di investimento che rispondono a tre obiettivi primari degli investitori: crescita, reddito e stabilità. Una view di mercato chiara e soluzioni semplici per gestire al meglio la relazione con i clienti a fronte di mercati sempre più complessi.

primeimages / iStock / Getty Images Plus


FinanciaLounge
30 Agosto 2019
Partner
Top