I risultati

Il gaming su mobile in calo per la prima volta dalla pandemia

Secondo Data.ai nel 2022 si registrerà una leggera flessione, ma i numeri sono sempre da record e i sistemi di monetizzazione diventano sempre più efficienti

di Stefano Silvestri 6 Dicembre 2022 09:36
financialounge -  finanza Smart Life videogame
financialounge -  finanza Smart Life videogame

Avevamo lasciato il mercato del gaming su mobile nel 2021 con una crescita del 15% rispetto al 2020 e un valore complessivo di 116 miliardi di dollari su iOS e Android. Non poco se si pensa che il totale degli acquisti legati alle applicazioni degli store digitali ammonta a 170 miliardi di dollari generati, e senz’altro merito dei soliti noti quali Roblox, Genshin Impact, PUBG Mobile, Candy Crush, Free Fire e Among Us.

LA PRIMA FLESSIONE


Ma nulla è per sempre e Data.ai in queste ore ha divulgato un report sull’andamento del mercato nel 2022. Indicando, non senza una certa sorpresa, risultati in leggera flessione per la prima volta dall’inizio della pandemia, sebbene vi siano le solite eccezioni. I numeri di quest’anno sono comunque superiori a quelli fatti registrare prima della pandemia: ad esempio, lo scorso febbraio è stata spesa in videogiochi per mobile la somma di 5,24 miliardi di dollari, saliti a 6,5 miliardi di dollari pochi mesi fa, a settembre. Un valore di tutto rispetto eppure in calo rispetto ai 7,73 miliardi di dollari fatti registrare a luglio.

PIÙ EFFICACI


Il report di Data.ai suggerisce anche che i videogiochi per mobile guadagnino soldi più velocemente che in passato, merito probabilmente di sistemi di monetizzazione sempre più affinati, come testimonia il fenomeno di quest’autunno, Marvel’s Snap. Ed è positivo notare anche un aumentato ricambio generazionale, con 25 nuovi titoli che sono riusciti a entrare nella Top 100 del 2021 contro i 19 del 2020. Mancano purtroppo i dati relativi a quest’anno, che però si prevedono in linea con quelli del passato.

FRANCHISE AFFERMATI


Sempre secondo Data.ai, i cambiamenti apportati da Apple alle impostazioni per la privacy hanno avuto un sensibile impatto sulla capacità dei videogiochi mobile di monetizzare. Ovviamente ci sono alcune eccezioni come Apex Legends Mobile e Diablo Immortal, in grado di fare leva su franchise preesistenti e affermati. Bene anche Genshin Impact, capace di sfruttare il traino della popolarità derivante dalle altre piattaforme su cui è presente, mentre i software dedicati al gambling sono al momento stazionari. Più inattesi, invece, i risultati di un brand poco noto ai gamer quale Merge Mansion.

UN 2022 DA RECORD. E IN FUTURO…


Quanto appena scritto sembra comunque una piccola pausa prima dello sprint finale, se è vero che secondo Statista i ricavi derivanti di videogiochi su mobile si assesteranno quest’anno attorno a 152,5 miliardi di dollari, 41 dei quali generati dal mercato statunitense. Un valore, questo, che impallidisce di fronte ai $221,7 miliardi previsti nel 2027, grazie a 2,3 miliardi di utenti che sempre secondo Statista giocheranno in mobilità. Il tasso di penetrazione tra gli utenti è destinato anch’esso a crescere e passerà  dal 22.9% del 2022 al 29.2% del 2027.
Trending