L’apertura dei mercati

Le Borse europee continuano i rialzi in scia alle buone trimestrali negli Stati Uniti

Dopo i buoni conti di Goldman Sachs, arrivano anche i dati incoraggianti di Netflix. La stagione delle trimestrali che spaventava gli investitori, sta invece spingendo i listini. In calo il prezzo del gas a 110 euro per megawattora

di Fabrizio Arnhold 19 Ottobre 2022 09:21
financialounge -  borse mercati spread trimestrali
financialounge -  borse mercati spread trimestrali

 

Le Borse europee continuano il rally e aprono il quinto giorni di rialzi consecutivi. A Milano il Ftse Mib inizia la giornata di contrattazioni a +0,34%, il Dax di Francoforte a +0,09%, il Cac 40 di Parigi a +0,11%, l’Ibex 35 di Madrid a -0,13% e il Ftse 100 a +0,06%. A Tokyo l’indice Nikkei archivia la seduta in positivo a +0,37%.

NETFLIX RECUPERA


A spingere i listini Ue anche le buone trimestrali Usa. Dopo Goldman Sachs, stanotte Netflix ha pubblicato i dati del terzo trimestre, evidenziando un primo recupero dei nuovi abbonati: 2,4 milioni tra luglio e settembre, circa il doppio di quanto previsto dagli analisti. Il colosso dello streaming, inoltre, ha rivisto al rialzo le prospettive sull’intero anno, dopo il lancio dell’abbonamento meno caro ma con la pubblicità.

GAS IN CALO


Scende ancora il prezzo del gas. Sul mercato Ttf di Amsterdam il future per novembre cede un altro 2,8% a 110 euro per megawattora. A contribuire alla discesa delle quotazioni, anche l’accordo sul price cap dinamico e temporaneo deciso dalla Commissione europea. Il petrolio si rafforza, con il Brent dicembre che tratta a 90,21 dollari al barile (+0,2%), mentre il Wti cresce dello 0,71% a 82,65 dollari al barile.

A PIAZZA AFFARI FOCUS SU MPS E TIM


Sul fronte valutario, poco mosso il cambio euro/dollaro a 0,9838. Sterlina sotto i riflettori dopo il dato sull’inflazione (con i prezzi al consumo che sono saliti del 10,1% annuo in settembre): la moneta britannica vale 1,1298 dollari. A Piazza Affari da seguire Mps (-0,30%), mentre è in corso l’aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro. Sotto i riflettori anche Tim (-0,58%), dopo le indiscrezioni sull’interesse ipotetico di un fondo di private equity. Nonostante le tensioni con le dichiarazioni shock di Berlusconi che complicano la formazione del nuovo governo, lo spread apre poco mosso a 239 punti base, con il rendimento del prodotto del Tesoro al 4,7%.
Trending