La giornata sui mercati

Musk vende azioni Tesla per quasi 7 miliardi

Mercati in attesa del dato sull'inflazione americana di luglio, intanto Elon Musk vende azioni Tesla per un valore di 6,9 miliardi di dollari per farsi trovare pronto in caso di sconfitta nella battaglia legale con Twitter

di Antonio Cardarelli 10 Agosto 2022 09:13
financialounge -  Borse europee mercati
financialounge -  Borse europee mercati

Primi scambi di giornata nel segno della prudenza sulle Borse europee. Milano perde lo 0,4%, Francoforte e Parigi lo 0,5%. Poco mossa in avvio Saipem sulle voci di una possibile uscita dell'ad Caio.

MUSK VENDE AZIONI TESLA


Mentre i mercati aspettano la pubblicazione del dato sull'inflazione Usa del mese di luglio (in uscita alle 14,30 italiane) arriva la notizia della vendita, da parte di Elon Musk, di 7,9 milioni di azioni Tesla. Il valore di mercato della vendita è pari a 6,9 miliardi di dollari. A comunicarlo è stata la Sec, l'equivalente americano della Consob. La vendita è avvenuta tra il 5 e il 9agosto.

LA SPIEGAZIONE DI ELON MUSK


È stato lo stesso Elon Musk, ad di Tesla, a spiegare i motivi della vendita tramite il suo profilo Twitter. Alla base c'è la necessità di farsi trovare pronto nel caso in cui Twitter vinca la battaglia legale contro di lui. Per ora, ha detto Musk, non ci saranno altre vendite di azioni Tesla, ma è importante evitare una vendita di emergenza per finanziare l'eventuale acquisto di Twitter. La piattaforma social, infatti, è determinata a ottenere da Musk il rispetto dell'accordo di vendita per 44 miliardi di dollari.

SALE L'INFLAZIONE IN CINA


Nel frattempo arrivano altri dati sull'inflazione. In Cina l'indice dei prezzi al consumo di luglio è salito del 2,7% contro attese del 2,9%. Dato che ha portato in rosso Hong Kong (-2,5%) e Shanghai (-0,5%) mentre nella regione resta la tensione per Taiwan. Chiusura in negativo per la Borsa di Tokyo, con l'indice Nikkei che perde lo 0,65%. In Germania, sempre a luglio, l'inflazione è salita del 7,5% rispetto a un anno fa, in linea con le attese degli analisti. Ma il dato più atteso è certamente quello americano, che influenzerà le scelte della Federal Reserve nel prossimo meeting. Un rialzo dei tassi è ovviamente scontato, ma restano dubbi sull'entità.
Trending