Il rapporto

Fmi: per l’Italia è tempo di nuove sfide

“L’economia italiana si è ripresa dal Covid, servono nuove riforme per potenziare la crescita". Nel suo rapporto sull’Italia il Fondo monetario internazionale sottolinea come sia essenziale rinvigorire il trend di crescita, centrale il Pnrr

di Fabrizio Arnhold 1 Agosto 2022 15:32
financialounge -  economia FMI italia rapporto
financialounge -  economia FMI italia rapporto

Per l’economia italiana è tempo di nuove sfide. Dopo essersi ripresa in modo vigoroso dal calo dovuto dal Covid, occorre ora affrontare il nuovo scenario imposto dalla guerra in Ucraina. È quanto si legge nell’ultimo rapporto del Fondo monetario internazionale.

CRESCITA E DISOCCUPAZIONE


Secondo le stime del Fondo monetario internazionale, la crescita italiana dovrebbe rallentare dal 6,6% del 2021 al 3% nel 2022, con un ulteriore rallentamento allo 0,75% nel 2023. La disoccupazione è attesa all’8,8% nel 2022 e al 9,3% nel 2023. L’inflazione dovrebbe calare nel 2022 al 6,7% per poi scendere ulteriormente al 3,5% nel 2023.

RIFORME NECESSARIE


“L’Italia ha bisogno di notevoli e determinanti miglioramenti nel bilancio”, continua il rapporto Fmi, deve “razionalizzare le spese correnti, ampliare la base imponibile, rafforzare l’adesione dei contribuenti agli obblighi fiscali e mettere in atto le riforme per potenziare la crescita, incluse quelle relative alla pubblica amministrazione, alla giustizia civile e alla concorrenza, necessarie per raggiungere e mantenere un ragguardevole surplus primario per tenere il debito pubblico su un percorso saldamente in ribasso".

AVANTI CON IL PNRR E TRANSIZIONE


Il Fondo monetario internazionale ha accolto positivamente “l’impegno delle autorità per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e ha elogiato l’adozione degli obiettivi del Next Generation Eu” e "ha raccomandato di portare avanti con decisione i progressi per aumentare la produttività del lavoro, gli investimenti e la crescita potenziale, oltre ad accelerare la transizione verde. L'esecuzione efficiente degli investimenti pubblici e un forte slancio per le riforme saranno essenziali per il successo".
Trending