Mossa inaspettata

Generali, Caltagirone si dimette a sorpresa dal cda: si riapre la partita per la governance

L'imprenditore, che detiene il 9,95% delle azioni della società, ha lasciato il board riaprendo la partita per la composizione dei comitati e sul futuro della governance

di Antonio Cardarelli 27 Maggio 2022 12:28
financialounge -  Caltagirone Generali
financialounge -  Caltagirone Generali

Francesco Gaetano Caltagirone ha lasciato il cda di Generali comunicando le proprie dimissioni con effetto immediato. La società fa sapere che le motivazioni non sono state rese note. La decisione di Caltagirone arriva dopo le tensioni scaturite dal voto contrario dell'imprenditore alla conferma del Ceo Philippe Donnet nel primo cda post assemblea.

IL NODO COMITATO STRATEGICO


Gli attriti erano emersi principalmente sulla definizione dei comitati, con quello strategico caldeggiato da Caltagirone e invece non previsto nel nuovo assetto di governance. A Piazza Affari il titolo ha reagito con un calo del 2,5% a 17 euro a causa delle preoccupazioni per la stabilità della governance.

PARTITA RIAPERTA


Nell'ultima assemblea era trapelato un certo ottimismo nonostante le tensioni. Ora la mossa a sorpresa di Caltagirone, invece, riapre la partita sugli assetti societari e riporta alla memoria quanto accaduto a gennaio, con le dimissioni in sequenza di Caltagirone, Romolo Bardin (espressione di Leonardo Del Vecchio) e Sabrina Pucci dal consiglio di amministrazione.

LE QUOTE DETENUTE DA CALTAGIRONE


Resta ora da vedere quale sarà la composizione dei comitati, che prevedono almeno un componente della lista di minoranza. Dopo il rifiuto di Caltagirone, infatti, anche gli altri consiglieri della lista di minoranza - Flavio Cattaneo e Marina Brogi - avevano fatto un passo indietro dopo la riunione del board del 12 maggio. A questo punto, dopo le dimissioni dell'imprenditore romano, che detiene il 9,95% delle azioni di Generali, la strada verso un compromesso torna a essere complicata.
Read more:
Trending