Vertice bilaterale

Draghi incontra la premier finlandese Marin: "L'Italia sostiene il vostro ingresso nella Nato"

A Roma l'incontro tra Sanna Marin e Mario Draghi nel giorno in cui la Finlandia e la Svezia hanno ufficializzato la domanda di adesione alla Nato per proteggersi dalla minaccia russa

di Redazione 18 Maggio 2022 17:46
financialounge -  finlandia Mario Draghi NATO sanna marin
financialounge -  finlandia Mario Draghi NATO sanna marin

Nel giorno in cui Svezia e Finlandia hanno presentato la domanda per entrare nella Nato, la premier finlandese Sanna Marin ha incontrato a Roma il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi. Nel corso della conferenza stampa congiunta, Draghi ha ribadito con forza il sostegno all'ingresso della Finlandia nell'alleanza atlantica. Finora solo la Turchia si è schierata contro l'ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato.

IL SOSTEGNO DELL'ITALIA


"L’Italia offre un appoggio pieno e senza condizioni alla richiesta. Lavoreremo per fare in modo che l’ingresso sia il più rapido possibile", ha detto Mario Draghi. Il presidente del Consiglio italiano, inoltre, ha criticato la decisione della Russia di espellere 24 diplomatici italiani: "Un atto ostile che però non deve interrompere la comunicazione attraverso canali diplomatici".

AMICIZIA STORICA CON LA FINLANDIA


Mario Draghi ha poi ricordato la storica amicizia che lega la Finlandia all'Italia: "Siamo stati ammessi alle Nazioni Unite nello stesso anno, il 1955. E poi collaboriamo in modo molto stretto anche in Unione Europea dove loro sono entrati nel 1995. Nelle scorse settimane abbiamo mostrato unità nel condannare la Russia, sostenere l'Ucraina, cercare la soluzione negoziale alla crisi in corso. Continueremo a farlo a partire dal Consiglio Europeo straordinario di fine mese", ha detto Draghi.

MARIN: SAREMO PARTNER AFFIDABILE


"L’Italia può fidarsi di noi. Saremo un alleato affidabile e contribuiremo alla sicurezza di tutta l’alleanza", ha detto la premier finlandese Sanna Marin. "La Finlandia vuole garantire la sicurezza nel proprio avvenire, per se stessa, per la propria regione, per tutta l'Europa. Per questo abbiano votato ieri, con una maggioranza schiacciante e il sostegno di tutti i partiti, a favore della domanda di adesione alla Nato", ha concluso.
Trending