Finanza e sanzioni

Banca Intesa esposta verso la Russia per 5,1 mld

I crediti a clientela russa sono pari a circa l’1% dei crediti a clientela totali del Gruppo. Oltre due terzi dei crediti riguardano primari gruppi industriali. Anche UniCredit valuta la possibilità di lasciare il mercato russo

di Fabrizio Arnhold 16 Marzo 2022 13:08
financialounge -  Intesa Sanpaolo Russia sanzioni Unicredit
financialounge -  Intesa Sanpaolo Russia sanzioni Unicredit

Dopo UniCredit, tocca a Intesa. La banca guidata da Carlo Messina, con una nota diffusa in mattinata, ha precisato l’esposizione verso controparti russe oggetto di sanzioni. “L’ammontare dell’esposizione verso Russia e Ucraina - precisa la nota - corrisponde ai crediti a clientela e banche delle controllate locali pari a circa 1,1 miliardi e del resto del gruppo pari a circa 4 miliardi”.

I CREDITI A CLIENTELA RUSSA


Sono pari a circa l’1% dei crediti a clientela totali del Gruppo Intesa Sanpaolo quelli riferiti a clientela russa. Oltre due terzi dei crediti a clientela russa, prosegue la nota, riguardano primari gruppi industriali, contraddistinti da consolidati rapporti commerciali con clienti appartenenti alle principali filiere internazionali e da una quota rilevante dei proventi derivante da export di materie prime, con scadenze per la quasi totalità dentro il 2027.

AMMONTARE IN CORSO DI VALUTAZIONE


Intesa precisa che questo a ammontare resta comunque “in corso di valutazione analitica ai fini del miglior presidio dell’evoluzione prospettica del profilo di rischio e nel contesto previsto da REPowerEU della Commissione europea e dalla recente dichiarazione di Versailles con riferimento alla riduzione della dipendenza energetica dell’Unione europea ben prima del 2030”.

ANCHE UNICREDIT VALUTA DI LASCIARE LA RUSSIA


Ieri il ceo di UniCredit, Andrea Orcel ha detto che un’uscita dal mercato della Russia “non sarà semplice” perché c’è bisogno di “considerare seriamente l’impatto e le conseguenze e la complessità del distacco di una banca completa dal Paese”. L’istituto di piazza Gae Aulenti è tra le banche più esposte sul mercato russo, dove è presente con UniCredit Bank Russia, con un’esposizione diretta di circa 1,9 miliardi di euro. Inoltre, la controllata russa ha una posizione autofinanziata di 7,8 miliardi di euro (dati a fine 2021).
Trending