La giornata sui mercati

Borse nervose in attesa dell’inflazione Usa

Avvio sotto la parità per i listini del Vecchio Continente, con gli investitori che attendono il dato sull’andamento dei prezzi dagli Stati Uniti. La Fed valuta un’accelerazione del tapering

di Fabrizio Arnhold 10 Dicembre 2021 09:14
financialounge -  borse FED inflazione mercati tapering
financialounge -  borse FED inflazione mercati tapering

Le Borse europee iniziano l’ultima giornata della settimana all’insegna del nervosismo, scontando la tensione per il dato sull’inflazione americana di novembre, atteso per il pomeriggio. A Milano il Ftse Mib apre le contrattazioni a -0,40%, il Dax di Francoforte a -0,47%, il Cac 40 di Parigi a -0,53%, l’Ibex 35 di Madrid a -0,31% e il Ftse 100 di Londra a -0,29%. Chiusura in calo per la Bora di Tokyo, con l’indice Nikkei a -1%, con gli investitori che temono ulteriori restrizioni per fronteggiare la variante Omicron.

GIORNATA CHIAVE PER L’INFLAZIONE


L’aumento dei prezzi resta il tema chiave per i mercati e per le banche centrali che continuano a verificarne l’andamento. Il dato tedesco è già arrivato ed è stato in linea con le attese: novembre -0,2% su mese ma +5,2% su base annua. Si attendono adesso i numeri sull’inflazione Usa, dopo il +6,2% anno di ottobre.

ATTESA PER IL DATO USA


Gli analisti prevedono un’inflazione al +6,7% negli Stati Uniti, che sarebbe il dato più alto dal giugno 1982. La Federal Reserve valuta con attenzione le prossime mosse e, in caso di un aumento dei prezzi più alto delle stime, potrebbe accelerale sul tapering (ossia la diminuzione degli stimoli monetari).

E LE MOSSE DELLA FED


Settimana prossima è il programma la riunione del Fomc, il braccio di politica monetaria della Fed, che potrebbe annunciare un taglio mensile di 30 miliardi di dollari al programma di acquisto di bond da 120 miliardi al mese, contro il taglio da 15 miliardi al mese inizialmente previsto. Poco movimentato il prezzo del petrolio, con il Brent che cede lo 0,26% a 74,23 dollari al barile, mentre il Wti viene scambiato poco sopra i 70 dollari al barile. Lo spread apre stabile la giornata di scambi a 135 punti base.
Trending