Ripresa post-Covid, Amundi si concentra su queste tre aree di investimento

Le scelte
di Virgilio Chelli 2 Luglio 2021 - 7:50

Su un orizzonte tattico Amundi consiglia un approccio totale return per ridurre l’impatto di un possibile aumento dei tassi, mentre la strategia andrà declinata nella nuova normalità generata dai fattori ESG

La ripresa post Covid-19 presenta opportunità di investimento ma anche rischi, con il timore di aumento dei tassi che obbliga gli operatori a muoversi con cautela. Nei prossimi anni, gli investitori multi-asset dovrebbero focalizzarsi su tre temi principali: uno più tattico, in termini di allocazione del rischio, e due più strutturali, legati alla ricerca di rendimento sull’intera gamma del reddito fisso, compresi dividendi e asset reali, e alla consapevolezza che la sostenibilità diventerà la nuova normalità, con particolare attenzione alle tematiche ambientali e sociali dei fattori ESG.

ATTIVI A RISCHIO SUPPORTATI MA SITUAZIONE PIÙ SFUMATA

Lo sottolineano in un commento Matteo Germano Head of Multi-Asset, CIO Italy , e Francesco Sandrini, Head of Balanced, Income and Real Return, entrambi di Amundi. Secondo i due esperti le prospettive per le attività rischiose rimangono costruttive per l’anno, con la prossima fase del rialzo attesa da una ripresa degli utili e dal miglioramento dei fondamentali del credito. Ma la situazione è diventata più sfumata, le valutazioni sono elevate ovunque e i rischi sembrano più asimmetrici. Per questo è importante ridurre l’esposizione al rischio, passando a una posizione neutrale, per cercare migliori punti di ingresso generati da una possibile fase di maggiore volatilità.

PREZZATA LA MAGGIOR PARTE DEL RIMBALZO

Il Composite Economic Momentum Index di AMundi indica che la maggior parte dell’accelerazione è alle spalle e che le aspettative hanno già prezzato la maggior parte del rimbalzo, anche se un possibile rialzo dei tassi da parte della Fed è ancora lontano. L’aumento dell’inflazione può comunque impattare sull’outlook dei tassi e mette sotto pressione i titoli tecnologici e le attività dei mercati emergenti. Questo non cambia la view positiva a medio termine di Amundi sulle obbligazioni dei mercati emergenti come fonte di reddito e sulle azioni dei mercati emergenti per declinare temi legati alla crescita come l’Asia e la Cina.

NO DE-RISKING MA PIÙ CAUTELA

Gli esperti di Amundi ritengono in ogni caso che nelle prossime settimane sia opportuno assumere una posizione più difensiva, con l’obiettivo di sfruttare le opportunità di relative value, il che non significa un de-risking strutturale, ma cercare di proteggere le buone performance accumulante nella prima parte dell’anno e migliori entry point per sfruttare la fase successiva con agilità e flessibilità. In una prospettiva strategica invece l’investitore dovrà posizionarsi per ottenere generazione di reddito in presenza di un’inflazione più elevata.

AMPLIARE LE FONTI DI REDDITO

In particolare gli investitori obbligazionari dovrebbero ampliare le fonti di reddito, cercando opportunità in tutto lo spettro del reddito fisso, compresi i mercati emergenti, e prendere in considerazione un approccio ulteriormente diversificato su più classi di attività, compresi i real asset. Anche i dividendi stanno tornando dopo alcuni anni di interruzione, nei settori più ciclici in una fase iniziale, e potrebbero offrire un’ulteriore fonte di reddito. In seguito, si potrà considerare un ritorno d’interesse verso le scadenze del debito più lunghe guardando oltre gli High Yield.

SOSTENIBILITÀ LA NUOVA NORMALITÀ

Infine la sostenibilità come tema strategico, definita dagli esperti di Amundi la ‘nuova normalità’: l’investimento ESG non sarà una moda passeggera, ma un trend pluriennale, sostenuto da un ciclo virtuoso, che coinvolge la politica, le autorità di regolamentazione, le aziende, gli intermediari finanziari e gli investitori. Amundi consiglia di concentrarsi su una modalità dinamica di investimento nei titoli ESG, rilevando che attualmente si intensificano due temi principali: i temi sociale e la transizione energetica declinata non più come esclusione ma come inclusione.

FOCUS SU GREEN E SOCIAL

Le opportunità per gli investitori multi-asset saranno a livello di selezione di titoli e settori. Nell’ambito del reddito fisso, il mercato dei green bond ha superato 1.000 mld di dollari e continua a crescere anche nell’area emergente, mentre il fattore sociale è ancora più in focus dopo la pandemia e potrebbe far emergere molte opportunità di investimento. Anche l’Impact investing secondo Amundi ha una grande opportunità di crescita, così come il private debt e le obbligazioni sostenibili.

Financialounge - Telegram