Turismo: Puglia, Toscana e Sicilia, ecco le mete preferite per le vacanze

+12% in viaggio
di Fabrizio Arnhold 31 Maggio 2021 - 12:58

Quasi 7 italiani su 10 andranno in vacanza al mare (68,9%), il 13,2% sceglierà città d’arte, mentre il 12,4% andrà in montagna

L’estate si avvicina e gli italiani hanno voglia di tornare a viaggiare, dopo un anno di restrizioni causa Covid. In attesa del lancio del green pass, dal primo luglio, che consentirà di spostarsi in Europa senza quarantene per chi è immunizzato o negativo al tampone, l’Italia resta la meta preferita per le prossime vacanze al mare. “Da qualche settimana sono iniziate gradualmente a ripartire le prenotazioni per le vacanze estive degli italiani”, conferma Astoi Confindustria Viaggi, che rappresenta il 90% del mercato dei tour operator italiani. “Resta un po’ di incertezza per pass nazionale e sicurezza”.

ITALIA META PREFERITA

“La meta preferita resta ad oggi l’Italia”, spiega Pier Ezhaya, presidente Astoi Confindustria Viaggi. “Non solo per la sua straordinaria magnitudo turistica ma anche per rappresentare la meta di maggior sicurezza e comfort in questo momento ancora caratterizzato dalla pandemia”. La vacanza dei sogni è al mare, sì ma dove? Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna ma anche Toscana e Emilia-Romagna sono le mete più gettonate ma “da quest’anno tra le località prenotate aumentano quelle di montagna, come avvenuto già lo scorso anno, così come il turismo di prossimità”.

SI VIAGGIA ANCHE IN EUROPA

Molto dipenderà dalle regole per utilizzare il green pass europeo, ma anche i viaggi in Europa cominciano a ripartire. “Iniziamo a riscontrare anche richieste per le destinazioni europee, in particolare per le isole della Grecia (Rodi, Creta e le isole Cicladi), a seguito di un’ottima campagna vaccinale fatta dal Paese ellenico e poi per la Spagna, con Canarie e Baleari, e per i Paesi del Nord Europa”, precisa Ezhaya. L’auspicio è che con il pass per viaggiare in Europa, dal primo luglio, il trend possa consolidarsi.

OLTRE LA METÀ DEGLI ITALIANI ANDRÀ IN VACANZA

Per la prossima estate si prevedono circa 39 milioni (+12% sul 2020) tra arrivi italiani e stranieri con 166 milioni di presenze (+16,2%). È quanto emerge da un’indagine realizzata da Demoskopika, in collaborazione con l’Università del Sannio. Il 28,7% degli italiani ha messo in programma una vacanza per i prossimi mesi, il 20,6% ha deciso di partire anche se manifesta ancora qualche indecisione, mentre solo il 4,1% ha già prenotato.

PREVALE LA VACANZA NOSTRANA

Anche da questa rilevazione arriva la conferma che gli italiani preferiscono restare nel Paese e godersi il mare o la montagna nostrani. L’86,8% del campione intervistato, infatti, trascorrerà le vacanze nel Belpaese. Saranno il 13,2% dei viaggiatori a preferire l’estero, con l’11,1% che resterà in Europa, mentre il 2,1% partirà verso mete internazionali. I mesi preferiti? Luglio e agosto restano quelli prediletti per le tanto agognate ferie d’estate.

PIÙ MARE CHE MONTAGNA

Il mare la fa da padrone. Quasi 7 italiani su 10, infatti, trascorreranno la vacanza in spiaggia (68,9%), il 13,2% sceglierà invece città d’arte e borghi, mentre il 12,4% andrà in montagna, campagna e agriturismo. E meglio se la vacanza è in famiglia (35,3%), oppure con il partner (31,4%). Solo il 2,3% del campione viaggerà in solitaria, mentre il 27,6% si metterà in viaggio con gli amici.

VACANZE DI UNA SETTIMANA

La durata della vacanza sarà in media di 7 o 8 giorni per la maggior parte degli intervistati (51,5%), mentre chi avrà la fortuna di fare due settimane (17,1%) supera il numero di chi riuscirà a staccare solo per 4 o 5 giorni (14,7%). La classifica dell’indagine Demoskopika mette al primo posto la Puglia con 1,9 milioni di arrivi (+13,6% rispetto al 2020) e 10,6 milioni di presenze (33,9%), al secondo posto la Toscana con 4,1 milioni di arrivi (+13,4%) e 19,1 milioni di presenze (23,3%), e Sicilia con 1,7 milioni di arrivi (+13,2%) e 6,5 milioni di presenze (23,6%). A seguire, Emilia-Romagna, Sardegna, Campania e Calabria.

4 MILIONI DI TURISTI CON IL PASS

Sul fronte green pass, oltre 10 milioni di italiani lo ritengono prioritario per viaggiare con maggiore sicurezza. Demoskopika stima che l’introduzione in Italia del pass vaccinale possa generare l’arrivo di 4,4 milioni di turisti, pari ad un’incidenza dell’11,3%. Il provvedimento genererebbe poco più di 1,7 miliardi di spesa turistica. A beneficiarne maggiormente, il Veneto con 366 mila arrivi e 222 milioni di euro di spesa turistica; Emilia-Romagna con 556 mila arrivi e 252 milioni di euro di spesa turistica e, infine, Toscana con 516 mila arrivi e 234 milioni di euro di spesa turistica.

LA “CASA VACANZA” RADDOPPIA

Rispetto all’anno scorso (18,9%), raddoppia il numero di turisti che preferisce pernottare in una casa presa in affitto (37,2%). La scelta sarebbe dettata dalla ricerca di maggiore sicurezza : a optare per la “casa di proprietà della famiglia” o “ospite di parenti e amici” rispettivamente il 10,6% e il 3,9%. Per chi sceglie altri tipi di sistemazione, il 29,3% preferisce un albergo o villaggio turistico, il 12,5% un bed & breakfast, il 3,7% pernotta in l’agriturismo, il 2% va in campeggio e solo lo 0,8% in un ostello della gioventù. Una quota considerevole di italiani, il 46,6%, ha rinunciato del tutto a viaggiare nei prossimi mesi: per timori legati al Covid (24,2%), mentre l’8,2% non andrà in vacanza per motivi economici.

Financialounge - Telegram