Gestori di fondi: gli uomini preferiscono i titoli finanziari, le donne quelli hi tech

Goldman Sachs
di Redazione 28 Novembre 2019 - 19:30

In base ad un’analisi di Goldman Sachs, mentre performance ed efficienza sono equivalenti, i team guidati da specialisti maschi sovrappesano i titoli finanziari e i team al femminile quelli tecnologici

Anche nel mondo della finanza le donne hanno ancora una lunga strada da percorrere per raggiungere la parità di genere non soltanto nelle posizioni di comando ma anche in mansioni secondarie. Eppure, quando si parla di performance di gestione e di controllo dei rischi di portafoglio non hanno assolutamente nulla da invidiare agli uomini. Le differenze, semmai, sono nelle scelte di portafoglio.

L’ANALISI DI GOLDMAN SACHS

In una nota pubblicata lunedì scorso, gli analisti di Goldman Sachs, parafrasando il titolo del libro sui rapporti di coppia più venduto nel mondo ‘Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere’, hanno scritto che ‘Nella galassia dei fondi comuni di investimento , le donne investono in tecnologia mentre gli uomini puntano sulla finanza’.

I TEAM FEMMINILI PRIVILEGIANO LA TECNOLOGIA, QUELLI MASCHILI LA FINANZA

Secondo l’analisi della casa d’investimento americana, il fondo a gestione femminile in media è sovrappesato rispetto al benchmark di 89 punti base (+0,89%) nel settore della tecnologia mentre evidenzia un sottopeso medio di 88 punti base (-0,88%) nei titoli finanziari. Per contro, i fondi che hanno pochi o nessun gestore di portafoglio femminile evidenziano invece un sovrappeso medio di 102 punti base (+1,02%) sui titoli finanziari.

528 FONDI ESAMINATI

Gli esperti di Goldman Sachs hanno esaminato un universo di fondi comuni di investimento a grande capitalizzazione: dei 528 fondi analizzati, soltanto 15 hanno team di gestione interamente femminili mentre altri 73 hanno almeno un terzo dei manager donne.

IL SOVRAPPESO SULL’HEALTHCARE

Il settore nel quale i fondi con team femminili hanno la seconda allocazione più elevata, con una posizione sovrappesata di 66 punti base (+0,66%), è quello della farmaceutica e questo spiegherebbe perché, nonostante il sovrappeso sulla tecnologia, i loro portafogli abbiano registrato una performance in linea con quelli dei manager maschi: le questioni politiche come i prezzi dei farmaci hanno infatti frenato il settore healthcare.

PERFORMANCE ED EFFICIENZA ALLA PARI

Gli analisti hanno invece constatato forti similitudini negli altri aspetti di rilievo nella gestione dei fondi . Per esempio, in media, il 39% dei fondi gestiti da signore ha sovraperformato il proprio benchmark ogni anno dal 2017, rispetto al 41% dei fondi gestiti da uomini. L’efficienza misurata in base allo Sharpe ratio – che incrocia rendimento e rischio assunto – ‘sono stati quasi identici’. Infine, negli ultimi 12 mesi, i deflussi sono ammontati a circa il 6% delle attività gestite dalla maggior parte dei fondi azionari attivi, indipendentemente dal genere dei gestori di portafoglio.