dollaro

Volatilità nei mercati europei, difendersi con healthcare a attività legate al dollaro

Grazie alle strategie d’investimento che combinano posizioni long e posizioni short è possibile sfruttare le opportunità che si sono venute a creare sul mercato con l’aumento della volatilità

17 Luglio 2018 12:10

La combinazione micidiale di sanzioni e barriere commerciali tra Stati Uniti e Cina e un indebolimento dei fondamentali economici sta alimentando la volatilità sui mercati finanziari. Ma non è soltanto il rallentamento della zona euro (sancito dagli indicatori PMI che hanno accusato una frenata nelle ultime sei settimane) a influenzare negativamente il sentiment degli investitori. Un contributo di rilievo lo hanno fornito notizie riguardanti specifici comparti e aziende.

AUTOMOTIVE SOTTO PRESSIONE


E’ il caso del settore automotive che oltre a soffrire sia per il rallentamento economico che per i dazi commerciali, ha registrato anche profit warning di spessore (Daimler) e annunci di rallentamenti nella produzione nel quarto trimestre (Volkswagen). Questo rallentamento, a cascata, comporterà implicazioni negative sul settore dei semiconduttori e lungo tutta la filiera dei fornitori del settore automotive.

MATERIE PRIME E TECNOLOGIA


“In questo contesto, la parte più rischiosa del portafoglio ha sottoperformato a giugno. I contributi positivi alla performance del mese sono arrivati invece da posizione specifiche rappresentate da titoli ciclici: una posizione sulle materie prime che comprende i principali player in Europa operanti nel settore, e una che comprende titoli tecnologici e indici generali di mercato” fa sapere Marc Chapman, gestore del fondo [tooltip-fondi codice_isin="IE00BNCBCX87"]HI Principia Fund[/tooltip-fondi] di Hedge Invest SGR.

HEALTHCARE E POSIZIONI LEGATE AL DOLLARO


Il manager rivela poi che la parte long (rialzista) del fondo è principalmente esposta verso titoli con caratteristiche difensive. In particolare, specifica Marc Chapman, le principali posizioni nel fondo comprendono il settore HealtchCare e attività legate all’andamento del dollaro che il manager ritiene siano nelle condizioni di difendersi bene in un contesto economico atteso più complicato.

LE POSIZIONI SHORT DI PORTAFOGLIO


“La componente short (ribassista) del portafoglio è invece composta principalmente da società europee con caratteristiche cicliche, dove pensiamo che il vento a favore si stia adesso riducendo e dove pensiamo che il rischio associato agli utili sia piuttosto alto” sottolinea Marc Chapman.

ALLA RICERCA DI UN ELEVATO ALPHA


Da segnalare che in questa fase il fondo è market neutral (ovvero esprime posizioni long e posizioni short che tendono a compensarsi in modo che la risultante sia tendente a zero) e dovrebbe restare tale a meno che non ci sia un significativo cambiamento del contesto di mercato. In ogni caso, le strategie di investimento adottate da Marc Chapman prevedono come priorità una selezione di titoli trascurati dal mercato e che abbiano una specifica tesi di investimento sia con potenzialità al rialzo (posizioni lunghe) e sia con possibilità di ribasso (short), in grado cioè offrire un elevato alpha (extra rendimento rispetto al mercato).

 

3 minuti con Marc Chapman – luglio 2018


3 minutes with Marc Chapman – luglio 2018





 
Trending