Obbligazioni societarie area euro, i fondamentali solidi più forti dei rischi politici

Credit Suisse
17 Marzo 2017 - 9:33

I bilanci solidi, l’aumento dei margini, dei flussi di cassa e dei profitti rendono le obbligazioni societarie dell’area euro interessanti per gli investimenti.

Gli investitori stanno prestando attualmente la massima attenzione alla politica in Europa. Si tratta di un atteggiamento comprensibile, dal momento che dall’Olanda (appena archiviata) alla Francia, alla Germania e, forse, all’Italia, i prossimi appuntamenti politici del 2017 continueranno a catalizzare l’attenzione dei mercati.

Ma sarebbe comunque sbagliato perdere di vista i fondamentali. I recenti dati suggeriscono che l’economia dell’area dell’euro ha accelerato e sta crescendo più rapidamente rispetto alle aspettative di consenso di analisti ed economisti. La cosa di assoluto rilievo è che il settore delle imprese è al centro di questa espansione: i suoi fondamentali finanziari sono migliorati notevolmente nel corso degli ultimi anni (e, soprattutto, degli ultimi trimestri).

Il risultato è visibile pure nella creazione di posti di lavoro. Questa accelerazione ciclica sembra destinata a essere ricca di profitti per le imprese, generando un ulteriore miglioramento della crescita degli utili. Inoltre sembra assai improbabile, almeno per il momento, che l’incremento dei profitti possa essere accompagnata da retribuzioni più alte e tassi di interesse in aumento.

Ecco perché la tendenza sarà quella di veder amplificare i già forti free cash flow (i flussi di cassa disponibili). A sua volta, più disponibilità di cassa permette alle imprese di incrementare gli investimenti e la distribuzione dei dividendi agli azionisti. “Il risanamento dei bilanci aziendali ora sembra davvero a buon punto e, soprattutto, è impressionante” sottolineano gli analisti dell’Economic Research Europe di Credit Suisse. Che indicano anche un altro aspetto di rilievo: la leva finanziaria aggregata delle aziende dell’area euro è stabile, ma l’indebitamento delle economie caratterizzate con un alto debito societario sta riducendo la leva finanziaria (e continuano a farlo) in modo significativo.

“Inoltre, la qualità dei bilanci societari è migliorata: l’indebitamento è diventato diversificato in termini di credito con la duration (scadenza media dei titoli a debito) in aumento, consentendo un tetto ai costi di finanziamento a lungo termine” fanno sapere gli esperti di Credit Suisse che poi concludono con una riflessione: “Sebbene il rischio politico a breve termine possa rendere l’economia dell’area dell’euro temporaneamente con poco appeal per gli investimenti, il segmento delle obbligazioni societarie euro sembra attraente grazie al rapido miglioramento della redditività e a bilanci sani”.

Financialounge - Telegram