BlackRock

Strategie, le preoccupazioni sulle prospettive di crescita frenano l’Europa

Gli investimenti a favore dell’Europa sono frenati dalle basse attese di crescita e dalle sfide che i governi europei saranno chiamati ad affrontare nei prossimi mesi.

1 Dicembre 2016 10:17
financialounge -  BlackRock italia referendum Richard Turnill
financialounge -  BlackRock italia referendum Richard Turnill

“Ci aspettiamo che gli investitori rimangano pessimisti sull'Europa rispetto all’aumento delle prospettive di reflazione degli Stati Uniti. Siamo neutrali sui titoli di Stato europei mentre restiamo favorevoli al debito investment grade che continuano a beneficiare degli acquisti della BCE sul mercato. Siamo sottopeso sulle azioni europee sulla sia delle preoccupazioni circa le prospettive di crescita” dichiara Richard Turnill, BlackRock’s Global Chief Investment Strategist, nel suo commento settimanale dal titolo “Gauging Europe’s political risks”.

Un’analisi che parte dalla riflessione sui prossimi appuntamenti elettorali europei (referendum costituzionale in Italia, le elezioni presidenziali in Austria e in Francia) e che, secondo lo strategist, dovrebbero mostrare se i partiti populisti stiano o meno acquisendo una maggiore influenza. Concentrandosi sul referendum italiano, Richard Turnill, partendo dagli ultimi sondaggi che vedono in vantaggio il NO, ritiene che una affermazione del SI potrebbe innescare, nel breve termine, un rialzo delle quotazioni delle obbligazioni regionali e dei titoli bancari.

Al contrario, una vittoria del NO di larga misura potrebbe ritardare eventuali correttivi per risanare il sistema bancario malato del paese e, a cascata, alimentare il vento a favore dei partiti populisti. In Francia, invece, i sondaggi mostrano che il candidato conservatore possa riuscire a spuntarla nelle presidenziali del prossimo maggio nella gara con la candidata di estrema destra populista Marine Le Pen.

“Tuttavia, se i populisti non vincessero oggi, la stagnazione economica e la sfida tra le politiche di austerità e quelle fiscali per la crescita continueranno a infastidire i cittadini europei. i cui leader dovranno comunque affrontare altre grandi sfide: gestire la Brexit, le proposte anti-commercio e la crisi migratoria” conclude Richard Turnill.

** Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge. Una parte di contenuti e dati gentilmente concessi da BlackRock

Trending