Flessibilità e decorrelazione, le soluzioni di tre big del risparmio

Clive Emery
27 Maggio 2016 - 9:58

Valorizzare i risparmi delle famiglie italiane facendo leva sulla flessibilità e sulla decorrelazione come strategia per puntare al rendimento rispondendo, al tempo stesso, all’esigenza di protezione in uno scenario volatile come quello attuale. E’ questo l’obiettivo perseguito dalla seconda edizione del tour «Finanza in 3D», organizzato da Invesco, J.P. Morgan Asset Management e Schroders nei cinema di Roma, Firenze, Milano e Verona.

Più in particolare Clive Emery, Product Director di Invesco Global Targeted Returns Fund , ha spiegato come l’obiettivo del comparto sia quello di ridurre al massimo la volatilità e di ricercare rendimenti non investendo in asset class «pure» ma individuando le 30 migliori idee di investimento nel paniere delle asset class disponibili.

Nick Gartside, gestore di JPM Global Bond Opportunities , ha invece illustrato la strategia di investimento del fondo basata su cinque idee di investimento: dall’obbligazionario unconstrained all’high yield europeo e USA, dai titoli di stato periferici ai titoli finanziari europei, fino ai corporate bond a lunga scadenza.

Peter Harvey, gestore di Schroder ISF Strategic Credit Fund , ha infine presentato una strategia nel corporate europeo in grado di ridurre i rischi di ribasso: si tratta di una soluzione che combina in modo flessibile titoli investment grade e high yield mantenendo una duration (scadenza media dei titoli in portafoglio) strutturalmente bassa.

Financialounge - Telegram