corona

Azioni, più Europa e settori telecom, salute e informatica

10 Luglio 2014 - 8:00
financialounge - news
financialounge - news
Sovrappeso su azioni, obbligazioni societarie con elevato merito di credito, e bond emerging markets. A livello azionario le preferenze vanno invece alle azioni europee e ai settori delle telecomunicazioni, della salute e dell’informatica. Nell’ambito degli investimenti alternativi focus sui fondi immobiliari innovativi a bassa capitalizzazione mentre, per quanto riguarda le scelte valutarie, il dollaro statunitense e la corona norvegese sono da preferire all’euro e al franco svizzero.

Ecco, in estrema sintesi, le principali raccomandazioni di asset allocation che Swiss & Global Asset Management esprime nel Reflections di luglio 2014. Rispetto allo scorso mese tra i preferiti si inserisce il settore delle telecomunicazioni a discapito di quello dei beni voluttuari mentre nell’ambito valutario la corona norvegese prende il posto delle sterlina tra le divise da privilegiare in portafoglio: nel reddito fisso, la sezione dei corporate bond è più selettiva privilegiando, nel settore del credito, società finanziarie e titoli industriali selezionati, nonché emittenti con rating BB di qualità.

Asset allocation
In seguito all’ultimo taglio dei tassi, in Europa i costi opportunità legati alla detenzione di liquidità hanno registrato un’ulteriore flessione. Sono state effettuate prese di beneficio su obbligazioni con scadenze più lunghe e sui titoli high yield.
“Continuiamo a sovrappesare le azioni, le obbligazioni societarie con elevato merito di credito, nonché le obbligazioni dei mercati emergenti” precisa Swiss & Global AM.

Obbligazioni
I mercati obbligazionari sono stati influenzati soprattutto dalle misure e dalle dichiarazioni di varie banche centrali e non presentano più valutazioni interessanti. Con riferimento ai bond societari, taluni segmenti risultano già sopravvalutati e la selettività e le operazioni di copertura acquistano quindi un’importanza crescente. Swiss & Global AM privilegia i titoli di debito dei mercati emergenti e, nel settore del credito, società finanziarie e titoli industriali selezionati, nonché emittenti con rating BB.

Azioni
La prospettiva di una politica monetaria ancora moderata ha nuovamente messo le ali ai mercati azionari. Gli analisti finanziari nutrono un maggior ottimismo nei confronti delle azioni statunitensi rispetto al trimestre precedente. Per Swiss & Global AM sono da preferire le azioni europee e i settori delle telecomunicazioni, della salute e dell’informatica.

Investimenti alternativi
Nell’ambito delle materie prime, prosegue la fase di consolidamento dei mercati delle materie prime, che varia tuttavia in misura significativa a seconda dei settori. “Continuiamo a privilegiare i settori ciclici dell’energia e dei metalli industriali” puntualizza Swiss & Global AM. Nel settore immobiliare a giugno l’indice dei fondi immobiliari svizzeri (indice SWIIT) ha toccato un nuovo massimo storico e la BNS (Banca Nazionale Svizzera) ravvisa i primi segnali di allentamento sul mercato ipotecario e immobiliare nazionale: Swiss & Global AM opta per i fondi innovativi a bassa capitalizzazione.

Valute
In ragione di livelli d’inflazione persistentemente bassi e del vigore dell’euro, la BCE ha annunciato un ampliamento delle misure di politica monetaria su larga scala. La Bank of England dovrebbe operare un rialzo dei tassi di riferimento prima del previsto. Ciò ha determinato un ulteriore aumento della sterlina britannica. In questo scenario, Swiss & Global AM tende a favorire il dollaro statunitense e la corona norvegese rispetto all’euro e al franco svizzero.
Trending