Apple

Apple investe 3,2 miliardi di dollari nella musica on demand

9 Maggio 2014 10:30
financialounge -  Apple Beats fusioni e acquisizioni iTunes musica streaming
financialounge -  Apple Beats fusioni e acquisizioni iTunes musica streaming
Fonti riservate del settore hanno fatto sapere che Apple sarebbe pronta ad acquisire il produttore di cuffie e di servizio di musica in streaming Beats Electronics LLC per 3,2 miliardi di dollari.

Un affare per l'azienda californiana di Santa Monica, che è stata fondata dal rapper Dr.Dre e dal produttore discografico Jimmy Iovine per rompere il dominio di Spotify, Deezer e degli altri servizi di musica on demand, ma anche un forte plus per il produttore di iPod che potrebbe così rafforzare la sua offerta di musica online in virtù della proprietà del servizio Beats Musica che è stato avviato all'inizio di questo anno: per 10 dollari al mese, gli abbonati a questo servizio hanno accesso illimitato a tutte i 20 milioni di brani musicali in catalogo attraverso uno smartphone, tablet o browser web.

La musica è stata a lungo uno dei cardini del business di Apple, con il suo negozio iTunes e il lettore musicale iPod, tramite i quali ha rilanciato la propria crescita più di un decennio fa. Tuttavia, il settore della vendita di brani tramite digital - download è sceso per la prima volta l'anno scorso: gli utenti preferiscono i servizi in streaming offerti da Spotify Ltd., Google Inc., YouTube e Pandora Media.

"L'età dei download digitali è sostanzialmente finita" ha dichiarato Aram Sinnreich, docente specializzato sul settore dei media presso la Rutgers University e studioso dell'intersezione tra la tecnologia e la musica. Pagando 3,2 miliardi di dollari, che rappresentano solo una frazione dei 150,6 miliardi dollari in liquidità e investimenti in bilancio, Apple lancerebbe una seria sfida nel settore dei servizi di musica in abbonamento per competere con Spotify.
"Stanno comprando per il futuro e il futuro sta per divenire la sottoscrizione di servizi in streaming” ha sottolineato Jon Irwin, l'ex presidente del servizio musicale della Rhapsody International Inc.
Trending