“Contaminazioni”, il futuro secondo Invesco

di Redazione

L’evento di Invesco si è tenuto presso il Pirelli Hangar Bicocca per guardare alle nuove sfide valorizzando la diversità di linguaggi ed esperienze

Fondere elementi, materiali, conoscenze, esperienze e linguaggi di natura diversa per creare qualcosa di nuovo e prezioso. La parola chiave è “contaminazioni” e Invesco l’ha messa al centro dell’evento che si è tenuto mercoledì presso il Pirelli Hangar Bicocca di Milano.

LE NOVITÀ IN ARRIVO

In uno scenario suggestivo, tra le evocative torri dell’installazione I Sette Palazzi Celesti dell’artista Anselm Kiefer, il nuovo responsabile per l’Italia Giuliano D’Acunti ha svelato al pubblico i punti salienti del futuro di Invesco. Un futuro che va oltre il mondo della finanza e degli investimenti e che, appunto, fa della “contaminazione” lo strumento per crescere insieme ai risparmiatori valorizzando le diversità.

NUOVA VIA DELLA SETA E MILLENNIALS

Durante l’evento si è parlato, tra le altre cose, di millennials, mega-trend, mondo dell’informazione, mercati. E non a caso si è parlato di Nuova Via della Seta, uno dei più importanti canali di “contaminazione” tra Occidente ed Oriente che ha portato ricchezza e crescita a entrambi i mondi. Tra gli ospiti, gli esperti di Invesco John Greenwood e Luca Tobagi, il docente del Politecnico di Milano Giuliano Noci e Marco Montemagno, imprenditore digitale e influencer.




FinanciaLounge
5 Dicembre 2019
Partner
Top