Contatti

Cambiamento climatico

Da COP28 tre temi d’investimento: resilienza, finanza agli Emergenti, nuove politiche

BlackRock, nell’ultimo Weekly Market Commentary, sottolinea gli spunti per l’investitore in tema di cambiamento climatico e di azioni intraprese per contrastarlo, suggerendo un approccio di tipo granulare

di Virgilio Chelli 7 Dicembre 2023 09:41
financialounge -  BlackRock cambiamento climatico good mercati
financialounge -  BlackRock cambiamento climatico good mercati

BlackRock ha seguito con attenzione la COP28 alla ricerca di indicazioni e segni di crescita nei temi di investimento collegati alla transizione climatica, cogliendo opportunità di tipo ‘granulare’ in società quotate che offrono risposte di resilienza al cambiamento del clima nei vari settori, come ad esempio soluzioni e sistemi di previsione precoce di inondazioni o tecnologie in grado di realizzare edifici in grado di resistere meglio a fronte di fenomeni metereologici estremi, esprimendo anche la convinzione che riforme politiche potrebbero agevolare il contributo dei privati a colmare il ritardo finanziario nei Paesi Emergenti.

RESILILENZA CLIMATICA TEMA NON SUFFICIENTEMENTE APPREZZATO


Sono le indicazioni conclusive dell’ultimo Weekly Market Commentary su mercato e temi di investimento di BlackRock titolato appunto sui tre temi di investimento emersi secondo la grande casa dalla COP28: il primo non sufficientemente apprezzato è la resilienza, la capacità della società di prepararsi e sostenere l’impatto del rischio climatico, quindi i progressi nello sbloccare risorse finanziarie a favore dei Mercati Emergenti, e quindi nuove politiche per definire il percorso della transizione. Questo a fronte di un azionario USA che ha toccato i massimi dell’anno e di rendimenti in caduta dei Treasury a 10 anni, mentre BlackRock prevede ancora volatilità nel breve e rendimenti elevati nel lungo termine, perché la crescita dell’occupazione a questi livelli punta al ritorno dell’inflazione.

AUMENTO COSTANTE DI EVENTI CHE CAUSANO DANNI OLTRE IL MILIARDO DI DOLLARI


Secondo BlackRock, la resilienza climatica è un tema non ancora abbastanza apprezzato dagli investitori mentre il numero di eventi che causano danni per oltre un miliardo di dollari è in costante aumento da quattro decenni. Un rischio che minaccia di più le Economie Emergenti, per la maggior esposizione fisica ai danni climatici, che però non riescono a raccogliere le risorse finanziarie necessarie a far fronte, secondo BlackRock un’altra opportunità di investimento, che risiedono anche in nuove politiche e regolamentazioni che sostengano lo sviluppo di produzioni dirette a aumentare la resilienza. Alcune sono già in atto, come gli oltre 20 miliardi di dollari compresi nell’Inflation Reduction Act USA e azioni simili in Europa.

SBLOCCARE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO NEI MERCATI EMERGENTI


BlackRock segue molto da vicino gli sviluppi politici che possano sbloccare opportunità di investimento nei Mercati Emergenti perché possono giocare un ruolo da pivot nella riduzione globale delle emissioni. Questo perché questi mercati al 2050 rappresenteranno oltre metà della domanda globale di energia e di emissioni di carbonio a fronte di una transizione più lenta. Chiudere questo gap finanziario richiede riforme significative nel settore pubblico e innovazione nel settore privato, con un miglior mix di capitali pubblici e privati.

OBIETTIVI AMBIZIOSI MA RAGGIUNGIBILI


Secondo BlackRock le riforme potranno essere considerate di successo se aggiungeranno ulteriori 200 miliardi di dollari l’anno, per arrivare in totale a 4.000 miliardi in termini di investimenti tra il 2030 e il 2050. Dalla COP28 BlackRock si aspetta ulteriori dettagli su politiche che vanno a influenzare il mix di risorse energetiche utilizzato e le relative opportunità di investimento. Secondo la grande casa, la combinazione di politiche, tecnologie e preferenze dei consumatori può guidare un’accelerazione verso le rinnovabili nell’area dei Mercati Sviluppati, visto che nel 2023 si è registrata una loro crescita record del 50-70%, secondo l’International Energy Agency.

LE FONTI ENERGETICHE TRADIZIONALI CONTINUERANNO A ESSERE USATE


Alla COP28 i vari Paesi sono sembrati posizionati per concordare un obiettivo di triplicarne la capacità al 2030, e BlackRock ritiene l’obiettivo raggiungibile se supportato da adeguate politiche, pur rilevando che l’indice S&P global clean energy è in calo di circa il 28% da inizio anno. Anche con la crescita delle rinnovabili, rileva in conclusione BlackRock, per soddisfare la domanda globale di energia bisognerà affidarsi a fonti tradizionali per un certo periodo di tempo, un settore che potrebbe a volte anche sovra performare, specialmente in presenza di scarso incontro tra domanda e offerta.
Trending