L'apertura dei mercati

Le Borse europee provano il rimbalzo nel giorno delle tre streghe

Dopo i forti ribassi di giovedì, nell'ultima seduta della settimana i listini europei provano a recuperare. Oggi è il giorno della scadenza contemporanea di importanti contratti derivati, noto come "giorno delle tre streghe"

di Antonio Cardarelli 16 Dicembre 2022 09:14
financialounge -  Borse europee mercati Piazza Affari
financialounge -  Borse europee mercati Piazza Affari

Partenza sopra la parità per Piazza Affari, che prova a recuperare almeno in parte le perdite di ieri. Il Ftse Mib, in avvio, guadagna lo 0,3% con Milano migliore piazza in Europa. Londra e Francoforte restano intorno alla parità mentre Parigi e Madrid aprono in calo. A Piazza Affari in evidenza Azimut dopo l'accordo con Unicredit sul risparmio gestito.

EFFETTO BANCHE CENTRALI


Nell'ultima seduta della settimana i mercati cercano di digerire le mosse e le parole dei banchieri centrali. Le attese sono state rispettate sia in Europa che negli Usa, ma solamente in merito all'entità dei rialzi effettuati, che come atteso sono stati di 50 punti base (anche la Banca d'Inghilterra ha fatto lo stesso). Ma se negli Usa è stata la previsione del picco di tassi al 5,1% a frenare Wall Street (ieri peggior seduta del Dow Jones da tre mesi) in Europa è stata la previsione sull'inflazione che resterà alta a deprimere i listini. Inoltre, Lagarde ha annunciato che a partire da marzo il ritmo dei reinvestimenti dei titoli di Stato in scadenza rallenterà.

IL GIORNO DELLE TRE (O QUATTRO) STREGHE


Come ogni terzo venerdì dell'ultimo mese di ogni trimestre, oggi cade il cosiddetto "giorno delle tre streghe", che nel corso degli anni sono diventate quattro. Noto in inglese come Freaky Friday, si tratta di un giorno in cui scadono contemporaneamente molti contratti derivati dei principali indici di Borsa: futures sugli indici, le opzioni sugli indici e le opzioni sulle azioni. La quarta strega della giornata, invece, è rappresentata dalla scadenza dei futures sulle azioni.

TOKYO IN ROSSO


Sulla Borsa di Tokyo seduta in netto calo in scia a Wall Street, con l'indice Nikkei che ha chiuso la settimana a 27.527 punti, in calo dell'1,87%. In Cina l'Hang Seng, a poco dalla chiusura, guadagna lo 0,4% mentre Shanghai viaggia intorno alla parità. In giornata attesi diversi dati macroeconomici: gli indici Pmi manifatturiero a dicembre di Giappone, Francia, Germania, Eurozona, Gran Bretagna e Stati Uniti, mentre dalla Gran Bretagna arriverà le vendite al dettaglio a novembre e dall'Eurozona l'inflazione.

Sul mercato valutario il cambio euro/dollaro, che ieri era risalito sopra la soglia di 1,07 dopo la Bce, ripiega e si muove in area 1,065 mentre il petrolio torna debole (piatto il Brent a 81 dollari). Gas in calo a 127 euro al megawattora (-5,8%).
Trending