L'apertura dei mercati

Borse europee deboli in attesa di elezioni di metà mandato e inflazione Usa

Questa settimana in programma le elezioni di midterm, un test per il presidente Joe Biden, e la pubblicazione dell'inflazione americana di ottobre. In Asia preoccupa il mantenimento della politica "zero Covid" in Cina

di Antonio Cardarelli 7 Novembre 2022 09:15
financialounge -  Borse europee mercati Piazza Affari
financialounge -  Borse europee mercati Piazza Affari

Avvio in rosso per i listini europei nella prima seduta della settimana. Il Ftse Mib di Piazza Affari apre in calo dello 0,3% con Unicredit giù di oltre due punti percentuali e Tim in rialzo dell1,5%. Sotto la parità anche il Dax di Francoforte oltre a Parigi (-0,5%) e Londra (-0,2%). Spread tra Btp e Bund tedeschi stabile a 215 punti base.

ELEZIONI DI MIDTERM


In settimana sono previsti due importanti appuntamenti negli Usa. Il primo riguarda le elezioni di midterm, un vero e proprio test per Joe Biden e per i Democratici, anche se una sconfitta non dovrebbe preoccupare troppo. In passato, infatti, è successo molte volte che il partito del presidente in carica abbia perso le elezioni di metà mandato.

INFLAZIONE USA DI OTTOBRE


L'altro appuntamento da tenere d'occhio è strettamente economico e riguarda la pubblicazione del dato sull'inflazione del mese di ottobre. È in uscita giovedì e, in caso di dato superiore all'8%, potrebbe essere un problema per la Federal Reserve in vista di un rallentamento nel rialzo dei tassi di interesse. Un percorso di rallentamento che il buon dato sull'occupazione americana di ottobre (sono stati creati 261mila posti di lavoro in più) ha già messo in dubbio.

AL VIA LA COP27


A livello globale occhi puntati su Sharm El Sheikh, dove è cominciata la Cop27. Presenti i capi di governo dei più grandi Paesi europei, inclusa Giorgia Meloni, pesa però l'assenza di Cina e India (oltre a quella praticamente scontata della Russia) due nazioni che al momento coprono le quote maggiori di emissioni a livello globale. Tante le questioni da discutere, a partire dal meccanismo del "loss & damage", ovvero i finanziamenti per coprire i danni provocati da eventi meteorologici straordinari.

ASIA POSITIVA


Sulle borse asiatiche Tokyo comincia la settimana in positivo con l'indice Nikkei che guadagna l'1,21%. Molto bene anche la Borsa di Hong Kong, che chiude a +2,57%, mentre quella di Shanghai guadagna lo 0,23%. Dai positivi che arrivano nonostante la Cina non abbia intenzione di fare passi indietro sulla politica "zero Covid" che sta penalizzando fortemente l'economia e ha mandato al tappeto lo yuan contro le altre valute.

Sul mercato dei cambi, l'euro è abbastanza stabile e vale 0,9935 dollari. Il petrolio è in calo: il Wti contratto di dicembre perde l'1,5%, attestandosi a 91,2 dollari al barile. Giù anche il valore del gas: il contratto di dicembre perde il 4,1% attestandosi a 110 euro al megawattora.
Trending